Una esperienza di vita… nel Regno Unito

Torno da Londra dove sono stata ospite di Luigia e Marco, una interessante coppia italiana che tre anni fa, nel 2018 , ha deciso di andare a vivere nella capitale del Regno Unito.
Curiosa e interessata all’umano ho pensato di far loro una intervista per capire perché a più di 40 anni si sono messi in gioco con una nuova scelta di vita.
Perfettamente integrati nella realtà londinese lavorano e vivono con i due figli Antonio e Caterina in una bella casa nella zona di Denmark Hill.


Qui i due bambini vanno a scuola in un contesto che io, vecchia insegnante in pensione, ho subito apprezzato per la semplicità di un ambiente a misura di bambino.
Perché avete scelto di lasciare il vostro lavoro in Italia e iniziare qui una nuova avventura?
Siamo partiti, spinti dalle diverse opportunità di lavoro dei genitori e in particolare della donna che in Italia è frustrata e non riesce a soddisfare il proprio desiderio di crescere nel lavoro e nel contempo seguire serenamente i figli senza condizionamenti e rinunce.
Il desiderio di riuscire al meglio nel lavoro e di essere soddisfatto spinge ognuno di noi a tentare e a provare talvolta anche alla cieca.
Marco, già soddisfatto del proprio lavoro in Italia, ha deciso di andare a Londra sia per soddisfare il desiderio di far crescere i propri figli nella madre lingua inglese che per supportare la crescita professionale di Luigia, che previo colloquio è stata assunta come funzionario di una importante multinazionale.
Qui viviamo soddisfatti del lavoro, appagati da una vita giornaliera più facile senza burocrazia, soddisfatti dei trasporti e dei servizi più efficenti pagati allo stato con una tassa unica.
Un vero pragmatismo.
Che peccato, siamo italiani e rendiamo il nostro servizio alla società inglese, siamo dispiaciuti, ma forse ora va bene così.
Come avete scelto di comprare la casa e perché in questa zona?
La scelta di comprare la casa a Denmark Hill è stata dettata dalla vicinanza alla scuola primaria “Lyndhurst primary school“ frequentata dai bambini che in seguito fino a 14 anni, potranno andare ad una scuola secondaria vicina e di buon livello, garantita dal governo.
Nel Regno Unito una commissione governativa, durante l’anno scolastico, ispeziona i plessi scolastici, li valuta ed elargisce loro i fondi in base ai progetti realizzati dalla scuola.
Il merito è un parametro importante nella valutazione del processo formativo degli insegnanti che lavorano serenamente in edifici accoglienti e ben strutturati.
Come vi trovate nel contesto sociale londinese e come vivete la realtà scolastica?
Il contesto sociale di questa zona è formato da famiglie giovani con un buon livello culturale, i giovani aperti e inclusivi sono disposti a condividere tutti i progetti della scuola a cui partecipano con semplicità e naturalezza, caratteristiche che ci fanno vivere in un spirito di famiglia sereno.
La scuola è aperta anche di pomeriggio ai bambini che vogliono fare sport e musica e la sera ai genitori degli alunni che possono usufruire delle strutture scolastiche versando una quota in denaro alla scuola che in questo modo usa gli impianti al top.
l genitori partecipano attivamente alla vita della scuola.
La mamma accompagna Antonio che frequenta la terza della primaria in gita, e ogni volta usufruisce di una delle 6 giornate l’anno pagate dalla sua azienda che riconosce il suo lavoro come volontariato alla scuola.
E’ proprio un altro mondo.
Durante il mio soggiorno a Londra anch’io sono stata invitata a partecipare alla gita di un giorno fatta al Kew gardens, il Royal Botanic Park.
E’ stata una bellissima esperienza per l’ospitalità ricevuta dagli insegnanti , dai genitori presenti e dai bambini.
Ho rivissuto insieme a loro, le gite e i viaggi fatti nel tempo con i miei alunni, insomma mi sono sentita a casa.
Nel Regno Unito c’è veramente quello che esprime il filosofo Ludwig Wittgenstein nella sua opera più conosciuta “La difesa del senso comune”, del 1925.
La sua forza e la sua grandezza di insegnante stanno nel tentativo di dissipare i fumi dell’idealismo rimettendo la filosofia con i piedi per terra, fedele in questo a quell’ empirismo anglosassone che appunto nel senso comune ricerca il suo più solido radicamento.
Clara Bergantini

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui