Istigazione alla corruzione Ferrara: vicesindaco e consigliere leghista indagati

11
Avrebbero offerto un posto di lavoro a una consigliera dissidente in cambio di un suo passo

Ferrara, 4 dicembre 2020 – Il vicesindaco Nicola Lodi e il consigliere comunale leghista Stefano Solaroli sono indagati per istigazione alla corruzione nei confronti della consigliera comunale del gruppo Misto Anna Ferraresi. Il fascicolo è stato aperto a seguito di un esposto presentato in procura sul cosiddetto ‘caso del trenino’.

Nel novembre scorso, Solaroli avrebbe infatti prospettato a Ferraresi, all’epoca leghista ‘dissidente’, la possibilità di avere un impiego come hostess nel trenino turistico che percorre le vie del centro in cambio di un suo passo indietro da consigliere comunale. La conversazione tra i due fu registrata e finì in procura. Nella chiacchierata incriminata, Solaroli tirò in mezzo anche il vicesindaco, con la frase “Nicola è d’accordo”.

Il numero due della giunta ha respinto le accuse al mittente attraverso una lunga diretta Facebook. “Sono completamente estraneo ai fatti – dice -. Mi sentirei anche di dire qualcosa sulla strumentalizzazione politica della vicenda. Massima fiducia nella magistratura che farà luce su un fatto nel quale non c’è alcun tipo di reato”.

“Confido nell’operato della magistratura e confermo la mia piena fiducia al vicesindaco Nicola Lodi“. Lo dichiara il primo cittadino di Ferrara, il leghista Alan Fabbri.

(Il Resto del Carlino)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui