LAGONE

Il Pil in Germania e Usa e le semestrali schiantano le borse europee: Francoforte chiude a -3,45%, Milano a -3,28%

Il Pil in Germania e Usa e le semestrali schiantano le borse europee: Francoforte chiude a -3,45%, Milano a -3,28%
luglio 31
09:59 2020

Tracollo storico per gli Stati Uniti: con il Covid giù del 33 per cento

La pandemia da coronavirus ha avuto effetti particolarmente pesanti sull’economia degli Stati Uniti. Nel secondo trimestre di quest’anno, il Pil del Paese ha subito un tracollo record del 32,9%. Si tratta di una flessione mai registrata da quando ha preso il via la serie delle registrazioni statistiche, nel 1947. Il dato è stato diffuso oggi dal governo Usa ed è migliore delle attese. Gli analisti si aspettavano, infatti, un -34,1%.

Anche i dati sulla disoccupazione rimangono elevati. La pandemia ha fatto precipitare gli Stati Uniti in una grave crisi economica con il numero dei senza lavoro che è cresciuto in modo massiccio. Secondo i dati diffusi oggi, la scorsa settimana le richieste di sussidi di disoccupazione sono state pari a 1,43 milioni, in linea con le previsioni e in lieve aumento rispetto al dato della settimana prima. Il tasso di disoccupazione era all’11,1% a giugno. A fine luglio sarà diffuso quello sul mese in corso.

Il primo trimestre aveva già mostrato chiari segni di difficoltà con il Pil del Paese che era sceso del 5%. Ora le attese sono sulla fine dell’anno.

Intanto le Borsa hanno reagito con forti perdite al dato arrivato da Oltreoceano. In mattinata anche l’Europa aveva contribuito ad appesantire le Borse con il dato sul Pil della Germania. Nel secondo trimestre l’economia più grande del Vecchio continente è caduta del 10,1% (le attese erano orientate a un -9%). La flessione del periodo aprile – giugno di quest’anno non ha eguali dal 1970, da quando sono iniziate queste rilevazioni in Germania. Nel primo trimestre il regresso era stato del 2%.

Nel clima di incertezza globale, a fine giornata, l’Ftse Mib di Milano perde il 3,28%. Analogo l’andamento degli altri listini con Francoforte che sprofonda del 3,5% mentre Londra e Parigi calano poco più del 2%. A New York il Dow Jones perde l’1% mentre il Nasdaq si mantiene in territorio positivo (+0,44%).

(La Stampa)

Tag
Share

0 commenti

Nessun commento ancora!

There are no comments at the moment, do you want to add one?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

La tua e-mail non verrà pubblicata.
I campi obbligatori sono segnati *

LEGGI IL NUMERO DI LUGLIO/AGOSTO 2020!

Iscriviti alla Newsletter!