31 Gennaio, 2023
spot_imgspot_img

“La seconda via”. Il film, il trailer, 26 gennaio l’appuntamento

Mai avremmo pensato che dopo ottant’anni le stesse terre sarebbero tornate a sporcarsi di sangue.
“La Seconda Via” è il primo film sugli alpini nella ritirata di Russia del 1943.
Parte delle riprese sono state realizzate sul nostro territorio, grazie alla collaborazione con il Comune di Manziana, l’Università Agraria di Manziana, il Comune di Canale Monterano e il Comune di Oriolo Romano. “La Seconda Via” vuole dare voce a tutti quei giovani alpini che, sacrificandosi, hanno interrotto la propria vita, con i loro sogni, amori e ambizioni, perdendola per sempre in un deserto di neve a 40 gradi sotto zero.
Il film mira a diventare il primo monumento digitale ai caduti nella ritirata di Russia.
Dedicato a tutti gli alpini e alle famiglie, agli affetti e agli amori che hanno atteso il loro ritorno.
Il film uscirà nelle sale dal 26 gennaio 2023.

 

In occasione dell’ottantesimo della ritirata di Russia e della prima Giornata Nazionale della Memoria e del sacrificio degli Alpini, il 26 gennaio 2023, distribuito da RS PRODUCTIONS, arriva in sala “La Seconda Via” opera prima di Alessandro Garilli, primo film sugli Alpini nella Ritirata di Russia 1943, che costò la vita a migliaia uomini.
Il film è prodotto da Quality film e Angelika vision con Rs Productions, in collaborazione con Rai cinema.

.Nel cast Ugo Piva, Nicola Adobati, Sebastiano Bronzato, Simone Coppo, Giusto Cucchiarini, Stefano Zanelli. Con la partecipazione straordinaria di Neri Marcorè e con Nina Pons, Anna Orso e con Melania Dalla Costa.
Seconda Guerra Mondiale, fronte russo. La compagnia 604 Alpini, per sfuggire al nemico, attraversa la steppa ma all’arrivo della notte rimangono solo sei giovani Alpini e un mulo, in un deserto di neve. Un viaggio tra sogno e realtà a 40 sottozero.
“Attraversando la steppa – chiarisce il regista- i nostri Alpini si trovarono a battere due vie: una prima fatta di passi veri nella neve e una seconda via, mentale, dove sogni, ricordi e realtà si confondevano, dilatando inevitabilmente la percezione del tempo”
A fronte di molta letteratura sull’argomento, non esiste un film che parli degli Alpini nella ritirata di Russia del 1943. Molti giovani che conoscono la guerra del Vietnam non per averla studiata ma per aver visto film, nulla sanno invece della Ritirata o anche della terribile battaglia di Nikolajewka che costò la vita a migliaia di giovani Alpini, ma che
consentì ai superstiti di quella tragica campagna di ‘tornare a baita’ rompendo l’accerchiamento dell’Armata Rossa.
Questo è uno dei motivi che hanno spinto la produzione ad accettare la sfida per portare alla memoria di tutti “un fatto” da non dimenticare. “La Seconda Via” si propone di far vivere allo spettatore “l’esperienza emotiva dell’assenza” nella speranza che, una volta uscito dalla sala cinematografica, porti uno sguardo nuovo, più profondo e attento, su ciò che lo circonda quotidianamente.
La Seconda Via è stato realizzato con il contributo della Direzione Generale per il Cinema; con il sostegno della Regione Lazio, Fondo Regionale per il Cinema e l’Audiovisivo; in partenariato con lo Stato Maggiore dell’esercito; in associazione, ai sensi della norma Tax Credit, con A.N.A. Bergamo Servizi; in collaborazione con A.N.A. Associazione Nazionale Alpini; con il contributo di Associazione Valori Alpini A.V.A.; con il contributo di Vigneti
Cenci Franciacorta di Giuliana Cenci e Maurizio Bassi; in collaborazione con ICTA (Pres. Germano Conte); in collaborazione con AIR Studio 8 (Produttrice Olga Kozarevka) e con Associazione La Seconda Via. Il film gode del patrocinio di: Ministero della Difesa, A.N.A Associazione Nazionale Alpini, CONI Comitato Olimpico Nazionale Italiano, Fondazione Veneto Film Commission, Città dell’Aquila, Provincia de L‘Aquila Comune di Manziana, Comune di Canale Monterano, Comune di Oriolo Romano, Università Agraria Manziana,
Valeggio sul Mincio, Parco Nazionale della Maiella, Comune di Rapino. Per il valore storico-culturale, il progetto de “La Seconda Via” porta il logo del “70°anniversario della Resistenza” concesso dal Comitato storico per gli anniversari, presieduto da Franco Marini.
Alessandro Garilli, regista e sceneggiatore, ha spaziato dall’ambito cinematografico a quello video sperimentale, pubblicitario e teatrale, ricevendo riconoscimenti nazionali e internazionali. Ha scritto e diretto il cortometraggio “Io sono Rosa Parks” vincitore del premio “Miglior messaggio G2” nella sezione MigrArti alla 75ma Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica nel 2018. Nel lungo lavoro preparatorio del film, ha effettuato numerosi sopralluoghi nella regione russa del Voronež, che nel 1943 fu teatro di guerra per i nostri alpini. “La Seconda Via” è stata opera finalista al Premio Solinas e selezionata agli European Days di Torino.

Ultimi articoli