LAGONE

Twitter sospende il profilo della campagna Trump. Il presidente: “Faccio causa”

Twitter sospende il profilo della campagna Trump. Il presidente: “Faccio causa”
Ottobre 16
06:40 2020

Donald Trump è di nuovo in guerra con le piattaforme social.

Ad innescare la rabbia del presidente degli Stati Uniti stavolta è stata una decisione di Twitter, che ha sospeso brevemente il profilo della campagna per la rielezione di Trump in seguito a una violazione dei suoi standard. Il magnate newyorchese ha risposto minacciando il social network. “

 

Non so cosa sia successo”, ha detto parlando in un’intervista a Fox Business, “ma finirà tutto in un gran procedimento legale.

Potrebbero succedere cose molto severe che preferirei non succedessero. Ma probabilmente dovranno accadere”.

Parlando ore dopo ad un comizio a Greenville, North Carolina, Trump ha promesso che se dovesse essere rieletto abrogherà la famosa “Sezione 230”, clausola del Communications Decency inserita nel 1996 che permette ai social network di non essere ritenuti responsabile davanti alla legge dei contenuti online pubblicati dai loro utenti. “Sono totalmente protetti, non possono essere denunciati”, ha detto Trump. “Ma tutto questo finirà: abrogherò la Sezione 230”. Se Trump non ha infatti il potere di chiuedere le piattaforme, può spaventarle minacciando di abolire la clausola che sostanzialmente permette loro di decidere se e quando moderare i contenuti. In sua assenza, gli uffici legali dei giganti del web sarebbero impegnatissimi a rispondere ad innumerevoli ricordi da parte di utenti che li ritengono legalmente responsabili dei post offensivi o pericolosi rimasti online.
A scatenare la controversia è stato un leak dalle dubbie origini pubblicato ieri dal New York Post che metterebbe nei guai il candidato democratico Joe Biden, ampiamente in testa nei sondaggi. Il quotidiano di tendenza conservatrice accusa Hunter Biden – figlio imprenditore di Joe già in passato nel mirino di Trump – di aver organizzato un incontro tra il padre e un consigliere di Burisma (compagnia energetica ucraina) nel 2015, quando Joe era vicepresidente di Barack Obama e Hunter sedeva al consiglio di amministrazione di Burisma. La fonte sarebbero delle email fornite a Rudolph Giuliani – ex sindaco di New York e legale del presidente – dal suo avvocato, a cui sarebbe stata data una copia del disco contenuto all’interno di un computer che Hunter Biden avrebbe dato a riparare a un negozietto del Delaware e non avrebbe mai recuperato. Intervistato, il gestore del negozio – grande sostenitore di The Donald – ha fornito varie versioni in conflitto tra loro su quanto accaduto e ha affermato di non aver potuto vedere se il proprietario del computer era veramente Biden per via di una malattia pregressa.

Facebook e Twitter hanno limitato la diffusione dell’articolo sulle proprie piattaforme. L’azienda di Mark Zuckerberg ha fatto sapere, attraverso un membro del proprio team di comunicazione, Andy Stone, che Facebook ha deciso di “limitare la distribuzione della storia sulla sua piattaforma” in attesa di fact-checking da parte dei partner esterni su cui fa affidamento.

Twitter sostiene invece che l’articolo violi le sue regole della privacy, dato che il New York Post ha reso pubblici nomi e contatti di diverse persone all’interno della sua lunga denuncia. Ma l’articolo viola anche le regole sull’hacking del social network, dato che le informazioni contenute al suo interno sarebbero state rubate da un computer portato a riparare in un negozio del Delaware. “In linea con la nostra politica sull’hacking, così come il nostro approccio al blocco delle URL, stiamo adottando misure per bloccare qualsiasi link o immagine del materiale in questione su Twitter”, ha affermato un portavoce dell’azienda.

La decisione delle due piattaforme è in linea con una maggiore assunzione di responsabilità che le tech company stanno cercando di dimostrare in vista delle elezioni, dopo essere state accusate per anni di aver permesso distorsioni e manipolazioni durante il voto del 2016. Lo scopo di queste nuove politiche delle piattaforme è quello di ridurre la diffusione di messaggi dannosi – e ridurla in fretta. Così, il profilo della campagna Trump si è trovato sospeso dalla piattaforma.

I repubblicani: “Interferenza elettorale”

Il campo repubblicano ha subito reagito duramente, nonostante il profilo sia tornato regolarmente fruibile dopo qualche ora. “Questa è interferenza elettorale, chiara e semplice. Siamo a un livello mozzafiato di ingerenza politica da parte di Twitter, ha affermato il direttore della comunicazione della campagna Trump Tim Murtaugh. “Gli amici della Silicon Valley di Joe Biden stanno bloccando in modo aggressivo le notizie negative sul loro ragazzo e impedendo agli elettori di accedere a informazioni importanti. Questa è una cosa da Cina comunista o da Cuba, non da Stati Uniti d’America”. “Questa è una censura agghiacciante della campagna per la rielezione di un presidente in carica a 19 giorni da un’elezione,” ha aggiunto Andrew Clark, tra i direttori della campagna.

(La Repubblica)

0 commenti

Nessun commento ancora!

There are no comments at the moment, do you want to add one?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

La tua e-mail non verrà pubblicata.
I campi obbligatori sono segnati *

LEGGI IL NUMERO DI SETTEMBRE 2020!

Iscriviti alla Newsletter!