LAGONE

La cerimonia. L’ultimo addio a Sergio Zavoli, indimenticabile maestro

La cerimonia. L’ultimo addio a Sergio Zavoli, indimenticabile maestro
Agosto 08
06:00 2020

Questa mattina i funerali a Roma, oggi pomeriggio e domani mattina la camera ardente a Rimini dove sarà tumulato

«L’umanesimo di Sergio Zavoli «non elude mai i grandi temi della vita, li affronta nella loro asperità per trovare una via d’uscita, una via di comprensione dell’uomo». È don Carlo Brezza, che ha conosciuto Sergio Zavoli nel suo ultimo anno, a raccontare così il maestro del giornalismo, scomparso nella sera del 4 maggio a 96 anni, durante i funerali celebrati questa mattina a Roma nella Chiesa di San Salvatore in Lauro. A concelebrare, accanto a lui, alcuni sacerdoti amici di lunga data del grande giornalista: monsignor Nunzio Galantino, già segretario generale della Cei e ora presidente dell’amministrazione del patrimonio della Sede Apostolica, il missionario comboniano padre Giulio Albanese, fraterno amico di Zavoli, e monsignor Orlando Raggi, ex parroco di Monte Porzio Catone dove risiedette per anni il giornalista. Nella piazza è stato allestito un maxischermo per consentire di seguire la cerimonia a chi non fosse riuscito ad entrare in chiesa, visti i posti limitati per le norme anti- covid.

In una cerimonia sobria e commovente, amici e colleghi di Zavoli si stringono attorno alla figlia Valentina, avuta dalla prima amatissima moglie Rosalba, scomparsa nel 2014, e alla seconda moglie, la giornalista, Alessandra Chello, sposata nel 2017.

Tra gli altri sono arrivati Gianni Letta, Walter Veltroni, l’ad Rai Fabrizio Salini, l’ex sindaco di Roma ed ex presidente del Coni, Franco Carraro; Renzo Arbore, particolarmente commosso; Silvia Costa, Maria Elena Boschi, che all’uscita ha abbracciato le colleghe parlamentari Anna Finocchiaro e Valeria Fedeli (Pd). Presenti anche il senatore del Partito Democratico Luigi Zanda, l’ex presidente Rai Monica Maggioni, Luigi Gubitosi, ex dg Rai e attuale ad di Tim; Vincenzo Vita, il presidente della Fnsi Beppe Giulietti («di Zavoli rimane l’amore infinito per la libertà e il rispetto della parola, dietro ognuna per lui c’era una dignità») ; Andrea Gnassi, sindaco di Rimini (dove verrà tumulato il giornalista, nel cimitero monumentale) che entrando ha detto: «Ora questo grande italiano potrà riposare accanto al suo grande amico, Federico Fellini».

Fra le corone all’entrata della chiesa, quelle della presidente del Senato, Elisabetta Casellati, dei senatori del Pd e della Rai. Sul feretro c’era una composizione di rose giallo pallido, sistemata in chiesa insieme agli altri fiori. Nell’ultimo anno, che è stato per Zavoli di “sofferenza”, «parlavamo spesso di Dio. Mi diceva “credo di credere” – ha aggiunto don Carlo che ha scelto per le esequie letture dal libro della Sapienza e dal Vangelo di Matteo -.

Caro Sergio, tu amavi la bellezza, la giustizia, il bene, il vero».
Zavoli «ha dedicato tanti anni a definire il servizio pubblico e i valori etici di una professione delicata e difficile come quella del giornalista – ha detto all’uscita dalla chiesa Gianni Letta -. Sergio è stato l’espressione di quei valori e il suo interprete migliore.

Lo ha dimostrato anche dopo, quando ha servito il Paese dai banchi del Senato. Era un uomo che cercava la verità con onestà; era disposto ad ascoltare gli altri prima di parlare e con quella sua voce calda e meravigliosa riusciva a interpretare anche chi voce non aveva, cogliendole tutte in quella sinfonia che deve essere l’informazione vera».

Michele Mirabella, che aveva condiviso con Zavoli un ciclo di conferenze a due, si è chiesto se le nuove generazioni sapranno cogliere «quel grandissimo contributo che ha dato al mestiere di giornalista. Lui ha insegnato a ognuno ad essere se stessi. Ci mancherà, perché purtroppo non riesco ancora ad individuare in giro chi possa cogliere la sua lezione, lavorando con l’ottimismo della volontà che ci ha insegnato». Monica Maggioni ha ricordato la capacità del giornalista ed ex presidente della Rai «di raccontare ogni fascia della società, con la stessa profondità. la stessa ironia, la stessa volontà di non ergersi a giudice, di essere un raccontatore della realtà». «Il nome di Sergio Zavoli resterà per sempre scritto nella storia del Gruppo Abele per il fatto che, anche se indirettamente, ha dato al Gruppo Abele il nome» aggiunge una nota affettuosa della onlus fondata da don Ciotti. Nel pomeriggio la salma è stata traslata a Rimini dove è stata apertala camera ardente presso il Teatro Galli. Sarà possibile rendere omaggio al grande giornalista anche stamattina, prima della tumulazione presso il Cimitero Monumentale di Rimini.

(Avvenire)

Tag
Share

0 commenti

Nessun commento ancora!

There are no comments at the moment, do you want to add one?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

La tua e-mail non verrà pubblicata.
I campi obbligatori sono segnati *

LEGGI IL NUMERO DI SETTEMBRE 2020!

Iscriviti alla Newsletter!

Referendum 2020