LAGONE

Road to Venezia 76 – uscita 17 – I FRATELLI SISTERS Jacques Audiard

Road to Venezia 76 – uscita 17 – I FRATELLI SISTERS  Jacques Audiard
maggio 12
11:56 2019

di Marco Feole

Quando sento odore di Western mi fiondo senza pensarci due volte, come farebbe un avvoltoio su una carcassa per cibarsi.

Ok. Ero entrato troppo nell’ambientazione scusate, lasciate stare il paragone. A Venezia 75 un Western in concorso firmato Audiard, arrivato in sala una decina di giorni fa. Fossi in voi, correrei a vederlo.

Siamo nel 1851, in Oregon. Charlie ed Eli sono due fratelli pistoleri sulle tracce di Herman Warm, un cercatore d’oro scappato in California. Quest’ultimo ha sperimentato un sistema chimico che permette di separare l’oro dagli altri residui minerali, e i due fratelli per conto del Commodore interpretato da un certo Rutger Hauer (che ne ha viste di cose…), vogliono metterci le mani sopra. In questa caccia all’uomo, e nel precedere i Sisters c’è John Morris, un investigatore con il compito di trovare Warm e trattenerlo fino all’arrivo dei fratelli. Il resto lo vedrete.

Primo film americano per Jacques Audiard che riadatta il romanzo di Patrick DeWitt, ma che non si limita solo all’omaggio del genere Western e alle sue regole, ma fa molto di più. Il tono commediale e parodico sin dalla scelta del titolo non sovrasta però tutta l’essenza del genere, che si mantiene nel suo stile più crudo, in un Western atipico forse, ma realista.

John C. Reilly, Joaquin Phoenix, Jake Gyllenhaal e Riz Ahmed, basterebbero da soli come garanzia per sperare in un film dalla riuscita vincente, ed in parte è così. Perché è proprio sul gioco dei contrasti che rappresentano i due fratelli, il carattere di ognuno di loro, a fare da colonna portante in un film, quello di Audiard, che mette alla prova il senso di fraternità o “sorellanza” (Sisters) in un mix di contraddizioni.

Da Venezia, per arrivare in sala ci ha messo un po’, ma ora c’è e ne possiamo godere. Da appassionato del genere ne sono rimasto piacevolmente colpito, senza gridare per carità, alla pietra miliare. Ma nella speranza che magari anche in Italia prima o poi torneremo a queste ambientazioni, godiamoci il Western di Audiard, che già da solo è un ottimo modo per farci tornare quella nostalgia di un certo nostro Cinema, ormai passato.

0 commenti

Nessun commento ancora!

There are no comments at the moment, do you want to add one?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

La tua e-mail non verrà pubblicata.
I campi obbligatori sono segnati *

LEGGI IL NUMERO DI GIUGNO 2019!

Iscriviti alla Newsletter!