LAGONE

2 aprile Giornata Mondiale per la consapevolezza sull’autismo “Luci ed ombre tra linee guida e mondo reale” La Asl Roma 5 a convegno per presentare un nuovo modello di integrazione tra servizi di primo e secondo livello

2 aprile Giornata Mondiale per la consapevolezza sull’autismo  “Luci ed ombre tra linee guida e mondo reale”  La Asl Roma 5 a convegno per presentare un nuovo modello di integrazione tra servizi di primo e secondo livello
marzo 27
17:42 2019

Tivoli, 27 marzo 2019 – In occasione della Giornata Mondiale per la consapevolezza sull’autismo 2019 la Asl Roma 5, in rete con altre Istituzioni, il prossimo 2 aprile presenterà un nuovo modello di integrazione tra servizi di primo e secondo livello.

Sarà la splendida cornice della Sala del Cenacolo della Camera dei Deputati ad ospitare l’evento “Luci ed ombre tra linee guida e mondo reale” al quale parteciperanno autorità, rappresentanti di associazioni di familiari, università ed esperti del settore. Per ragioni legate alla capienza della sala la partecipazione all’evento è su invito.

L’obiettivo del progetto che sarà presentato è quello di dare vita ad un nuovo sistema in grado di migliorare i livelli di prestazione garantendo procedure diagnostiche e trattamenti personalizzati che abbiano evidenze scientifiche; la diagnosi e presa in carico nei primi 24/36 mesi di vita ma non solo. Il modello prevede la nascita e la strutturazione di percorsi di cura anche per le persone che hanno ricevuto tardivamente la diagnosi o che sono in età adulta. Tutto ciò attraverso una stretta rete di collaborazioni tra i pediatri, i servizi territoriali, l’università e i centri di II livello d’eccellenza.

Il futuro in ambito sanitario è legato a riconoscimento e intervento precoce e sul miglioramento dei fattori protettivi. Sia a livello nazionale che internazionale, è aumentata l’attenzione sui disturbi del neurosviluppo, privilegiando la scelta di trattamenti supportati da evidenze scientifiche e ponendo particolare rilievo al burden familiare. Questa iniziativa propone un modello d’integrazione tra servizi di primo e secondo livello, la condivisione dei percorsi di cura con i sistemi familiari e con il contesto sociale ed educativo di appartenenza. La sfida sull’autismo può essere vinta solo attraverso un coinvolgimento professionalizzato fra sistemi educativi, sanitari e sociali, nonché attraverso un monitoraggio sistematico dei percorsi di cura al fine di ridurre al minimo il carico alla famiglia e al disabile.

Interverranno (in ordine alfabetico):

Luciano Cifaldi, Direttore Sanitario Aziendale ASL Roma 5;

Alessio D’Amato, Assessore Sanità e Integrazione Socio-Sanitaria;

Carlo Hanau, già docente di Programmazione e organizzazione dei servizi sociali e sanitari Università di Modena e Reggio Emilia e Università degli Studi di Bologna;

Valentino Mantini, Direttore della Direzione Salute e Integrazione Socio-Sanitaria Regione Lazio;

Giuseppe Nicolò, Direttore Dipartimento di Salute Mentale ASL Roma 5;

Ruggero Parrotto, Direttore Generale Ospedale Pediatrico Bambino Gesù;

Danilo Pistillucci, ANGSA Associazione Nazionale Genitori Soggetti Autistici;

Giuseppe Quintavalle, Commissario Straordinario ASL Roma 5;

Massimiliano Raponi, Direttore Sanitario Ospedale Pediatrico Bambino Gesù;

Alessandra Troncarelli, Assessore Politiche Sociali, Welfare ed Enti Locali Regione Lazio

Stefano Vicari, IRCCS Ospedale Pediatrico “Bambino Gesù” -Neuropsichiatria Infantile

Modera

Giovanni Tagliapietra, Giornalista

Share

0 commenti

Nessun commento ancora!

There are no comments at the moment, do you want to add one?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

La tua e-mail non verrà pubblicata.
I campi obbligatori sono segnati *

LEGGI IL NUMERO DI FEBBRAIO 2019!

Iscriviti alla Newsletter!