LAGONE

Cerveteri, a Sala Ruspoli spazio ai cortometraggi di Pier Paolo Pasolini

Cerveteri, a Sala Ruspoli spazio ai cortometraggi di Pier Paolo Pasolini
febbraio 01
13:06 2019

Nuovo interessante appuntamento con la rassegna cinematografica curata dal Professor Michele Castiello

Nuovo appuntamento in Sala Ruspoli a Cerveteri con la rassegna cinematografica dedicata al genio di Pier Paolo Pasolini, ciclo dedicato alle grandi pellicole, alle opere e alla storia del grande autore, curato nei minimi dettagli, con cura e dedizione dal Professor Michele Castiello.

Sabato 2 febbraio, nel consueto orario delle 16.30 spazio a tre piccoli straordinari capolavori del poeta – cineasta, di cui sicuramente balza agli occhi il primo, La Ricotta datato 1963, seguito dal surreale, comico e fiabesco La terra vista dalla luna del 1966 e infine il più complesso, per tutta una seria di implicazione filosofiche, pittoriche e teatrali, Che cosa sono le nuvole? del 1967.

“Volge quasi a conclusione la rassegna che dallo scorso dicembre nei locali di Sala Ruspoli sta richiamando un gran numero di appassionati di cinema – ha dichiarato il Sindaco di Cerveteri Alessio Pascucci – tanti ospiti, del giornalismo, del cinema, persone che hanno avuto l’onore di conoscere o di poter collaborare con Pasolini, si sono succedute incontro dopo incontro, in una rassegna che ha preso piede sabato dopo sabato, dimostrandosi essere di qualità e curata in ogni suo dettaglio”.

I tre cortometraggi proposti sono tre autentici capolavori dell’arte pasoliniana, discussa, apprezzata, contestata ma già all’epoca profondamente attuale.

‘La ricotta’ fu un progetto nato per essere un lungometraggio. In seguito dovette far parte di un film a episodi dal titolo La vita è bella. Pasolini lo propose al produttore R. Amoruso, il quale non solo rifiutò, giudicandolo offensivo, ma chiese addirittura i danni. Infine, andò a far parte del film Ro.Go.Pa.G, il cui titolo che comprende le iniziali dei quattro registi che parteciparono al film: Rossellini, Godard, Pasolini e Gregoretti, ciascuno autore di un episodio cinematografico; ma dopo il sequestro e i tagli apportati dalla censura, venne rimesso in circolazione con il titolo di Ro.Go.Pa.G. Ovvero, laviamoci il cervello.

Secondo corto, ‘La terra vista dalla Luna’. “Si tratta di una favola surreale e comica , una storia fuori dal tempo e come qualsiasi storia surreale, s’imparenta con la stregoneria”.( sic!). Così il regista nel novembre del 1966, ad inizio riprese definì il corto. Tratto dal racconto di Pier Paolo Pasolini, mai pubblicato, ‘Il Buro e la Bura’, ha inizio in un cimitero di periferia dove Ciancicato Miao, magistralmente interpretato da Totò, e suo figlio Baciù, entrambi dai capelli inverosimilmente color rame, che vivono in un imprecisato futuro, piangono la morte della moglie-madre Crisantema, morta per indigestione di funghi avvelenati. Appena terminata la lamentazione funebre i due, constatato che Ciancicato ha ancora “qualche cartuccia da sparare” decidono di intraprendere un viaggio alla ricerca della Donna, madre e moglie che diventi la nuova anima femminile della loro catapecchia, in un paesaggio da bidonville, in cui passano di tanto in tanto due turisti stranieri vestiti da safari.

Che cosa sono le nuvole? invece è ambientato in uno scalcinato teatrino di periferia dove va in scena l’Otello di Shakespeare recitato dai burattini. Un breve cortometraggio, ma una poetica riflessione sul senso dell’esistenza, sul rapporto tra apparenza e realtà, tra l’azione e il pensiero, tra la vita e la morte.

Share

0 commenti

Nessun commento ancora!

There are no comments at the moment, do you want to add one?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

La tua e-mail non verrà pubblicata.
I campi obbligatori sono segnati *

LEGGI IL NUMERO DI GIUGNO 2019!

Iscriviti alla Newsletter!