LAGONE

Prevenzione all’uso di sostanze stupefacenti in età evolutiva

Prevenzione all’uso di sostanze stupefacenti in età evolutiva
maggio 08
10:09 2018

Per comprendere il fenomeno delle dipendenze bisogna attuare dei programmi di sensibilizzazione

Per comprendere il fenomeno delle dipendenze occorre innanzitutto, attuare dei programmi di prevenzione primaria che si focalizzino fin da subito sulla conoscenza e studio del temperamento in età evolutiva e sulla parabola di sviluppo della personalità.  In particolare, risultano più esposti all’uso delle sostanze, coloro che presentano un temperamento  NOVELTY SEEKING caratterizzato dai seguenti tratti: Sentimento prevalente lo stress; combatte lo stress cercando il piacere; intuizione  e creatività; curiosità;  impulsività; accetta e cerca la novità (Cloninger C.R., 1987/1983).  Ed è  soprattutto  nella fase adolescenziale, nella quale si costruisce l’identità di ciascuno attraverso differenti e rapidi mutamenti, che possono nascere i primi approcci alla droga. L’effetto gratificante delle droghe è dovuto dalla loro capacità di attivare i recettori del sistema limbico, che intervengono anche nei processi di apprendimento in cui siano presenti stimoli ad elevato contenuto motivazionale. Oltre al consumo di cannabinoidi  e di cocaina, sempre più si registra fra i ragazzi un maggior uso delle seguenti sostanze:  Anfetamine, metanfetamine, metossianfetamine e metilendiossianfetamine. Tutte le droghe e l’alcol, soprattutto in questo periodo possono causare anomalie gravi nel funzionamento neuro-psichico dell’individuo. Utilizzando le moderne tecniche di neuroimmagine, che rappresentano ad oggi uno tra gli strumenti migliori per studiare il cervello, si possono “guardare” i cambiamenti nella struttura e nel funzionamento cerebrale sottostanti alla compromissione delle funzioni cognitive nei soggetti che fanno uso di droghe. Risulta, fondamentale dunque, riconoscere i segnali d’allarme, come i diversi temperamenti in età evolutiva e strutturare un percorso di affiancamento efficace, canalizzando il desiderio del piacere dell’adolescente verso mete più positive e sostenendo la famiglia in tutte le fasi di cambiamento.

Dott.ssa Claudia Della Ceca

Share

0 commenti

Nessun commento ancora!

There are no comments at the moment, do you want to add one?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

La tua e-mail non verrà pubblicata.
I campi obbligatori sono segnati *

LEGGI QUI IL NUMERO DI LUGLIO 2018!

Iscriviti alla Newsletter!