15 Luglio, 2024
spot_imgspot_img

Romabpa, l’omaggio di Roma ad Andreas Aguyar, l’eore dimenticato della Repubblica Romana

Saranno due giorni di incontri, convegni e musica quelli proposti da Romabpa Mamma Roma e i suoi Figli Migliori, nella Piazza del Ferro di Cavallo in Via di Ripetta nel polo artistico della città.

L’evento, reso possibile grazie al contributo della Regione Lazio e la collaborazione con la rete nazionale di scuole “Memorie. Una città, mille storie”, il Liceo Orazio, il Liceo Artistico Ripetta, l’Accademia di Belle Arti di Roma e l’ I.C. via Fabiola,  vuole rendere omaggio a un grande eroe della Repubblica Romana, – ignorato dalla toponomastica della città, – ma con un occhio rivolto all’attualità e ai diritti umani.

Andreas, schiavo di origini africane, e Garibaldi si incontrano durante la liberazione di Montevideo e proseguono le loro avventure in nome della libertà in quella splendida stagione che fu la Repubblica Romana.

Il 30 giugno 1849 Aguyar viene ucciso da una granata francese in vicolo del Canestraro.

La toponomastica romana, probabilmente per il colore della sua pelle (era soprannominato “il moro di Garibaldi”), non lo ricorda come gli altri, ma dedica a lui solo una piccola scalea, all’epoca denominata “scalea Andrea il moro”.

Grazie all’impegno dell’allora consigliere comunale Paolo Masini, attuale presidente dì Romabpa, il nome della scalea fu cambiato in “Scalea Andreas Aguyar Luogotenente di Garibaldi detto il Moro”.

Un’iniziativa che ha voluto restituire dignità a un importante personaggio della Repubblica Romana.

“Dopo quel piccolo ma significativo gesto, da anni stiamo cercando di raggiungerne uno ancora più importante, riportare Aguyar tra i suoi compagni di battaglia, tra i busti del Gianicolo dove incomprensibilmente, o forse no, manca. Questo evento nasce per ricordarlo e per annunciare che ce l’abbiamo fatta, scusandoci per il ritardo di qualche centinaio di anni” dichiara Paolo Masini promotore dell’evento e dell’iniziativa.

Il busto in marmo infatti sarà realizzato grazie ai fondi raccolti dall’associazione, per le materie prime, e,  dal punto di vista artistico, alla collaborazione e alla disponibilità della Direttrice  Cecilia Casorati dell’ Accademia di Belle Arti di Roma.

Per Maria Grazia Lancellotti, dirigente scolastica e coordinatrice della rete di scuole nazionale Memorie, si tratta di “un percorso che ha coinvolto centinaia di studenti in tutta Italia, attraverso un pcto (ex alternanza scuola-lavoro) arricchito dalla presenza dei più grandi esperti risorgimentali e di sociologi. Bello ora vedere attraverso i lavori dei ragazzi la figura di Aguyar attualizzata dai loro occhi e dalle loro esperienze in una società in continua evoluzione”.

Corposo il programma, si parte venerdì 5 maggio alle ore 15 nell’Aula Magna del Liceo Artistico di via Ripetta con l’inaugurazione della mostra dei busti in terracotta di Aguyar realizzati dagli studenti del liceo artistico – prof.Tutor Marco Milia- frutto del percorso storico avviato  dalla rete di scuole “Memorie. Una città, mille storie”.

A parlarne saranno Anna de Santis, Dirigente Scolastica del Liceo Artistico Ripetta, Maria Grazia Lancellotti, coordinatrice nazionale della rete Memorie e Dirigente Scolastica del Liceo Orazio e Fanny Greco Dirigente Scolastica dell’IC Via Fabiola.

Oltre ai busti sarà esposto in anteprima il lavoro dell’artista Francesca Grosso che dedica ad Aguyar una nuova opera, dopo quella realizzata per Patrick Zaki .

Alle 16,30 proiezione del video “The Human March”, interverranno Amin Nour, Diana Pesci, Davide Valeri e Thamisanqa Molepo, che ha interpretato il ruolo di Aguyar nella fiction “Anita Garibaldi”.

Alle 17,30, sul palco del giardino, concerto del Trio Monti che, oltre alle classiche canzoni romane dell’epoca e non solo, presenterà in anteprima il brano “Aguyar” realizzato in collaborazione con Roma Bpa.

Questo il programma di sabato 6 maggio:

Alle ore 10

Convegno in ricordo di Andreas Aguyar, partecipano:

Paolo Masini presidente Romabpa,, Maria Grazia Lancellotti  coordinatrice nazionale della rete Memorie e dirigente scolastica del Liceo Orazio, Maras Minasi Sovrintendenza Capitolina – responsabile Museo della Repubblica Romana, Giuseppe Monsagrati storico e docente universitario, Jocelyn Fiorina, docente universitario, segretario generale de la Societè Des Amis  de Aléxander Dumas, Massimiliano Coccia, giornalista, Simone Clavière- Schiele, artista, Davide Valeri, sociologo, Pina Sodano, sociologa, Dipartimento Scienze Politiche Roma Tre.

Il convegno sarà aperto dal ricordo di Enrico Luciani.

Alle ore 12 spettacolo “Beige – L’importanza di essere diverso”, autore, regista e interprete Jonis Bascir

Ore 16,30 “Finalmente un busto per Aguyar “, presentazione del progetto con Paolo Masini e Cecilia Casorati, Direttrice Accademia  di Belle Arti di Roma

Ore 17,00 concerto della Palestra Musicale della Piccola Orchestra di Tor Pignattara

Ore 17,30 gran finale

Concerto della Piccola orchestra di Tor Pignattara

L’evento è dedicato a Enrico Luciani, Presidente dell’Associazione Amilcare Cipriani e del comitato Gianicolo recentemente scomparso, ed è gemellato con XVII Arondissement di Parigi per il riposizionamento della statua del generale Dumas, distrutta dai nazisti.

 

Ultimi articoli