3 Dicembre, 2022
spot_imgspot_img

Trevignano, una giornata dedicata alla pace e alle parole

Anche la comunità trevignanese, si è raccolta in piazza per onorare la memoria dei caduti in guerra, ricordando quelle generazioni che hanno sofferto per lasciarci un’Italia unita e democratica.

Dopo la celebrazione della Santa Messa, è intervenuto il sindaco Claudia Maciucchi, per sottolineare gli orrori di tutte le guerre, sia quelle raccontate dai nostri nonni, sia quelle che vediamo nel nostro tempo. “La pace non è una conquista che può essere data per scontata, è uno dei beni più preziosi per tutta l’umanità.”

Segue un ringraziamento a tutte le Forze Armate, soprattutto quelle al servizio della nostra comunità, e anche a tutte quelle realtà che collaborano per garantire la sicurezza come la Protezione Civile e l’Associazione Nazionale Carabinieri, per citarne alcune.

Stefania di Michele ci ha emozionati con la lettura di due brevi testi, tratti da ”Le notti e per sempre” di Diego Nuzzo; una raccolta di lettere scritte da un soldato nel novembre 1917 la sera prima della battaglia, nelle quali emergono storie di eroismo e coraggio, ma anche di atrocità e orrori. Presente tutta l’Amministrazione Comunale, il Comando della Polizia Locale, l’ANC, la Parrocchia dell’Assunta, il Comandante Anelli, il Tenente Colonnello Caccetta, Direttore del Museo Storico dell’Aeronautica Militare di Vigna di Valle, le associazioni, tra le quali l’APT e Trevignano Turismo che come sempre rappresentano una garanzia per il successo di eventi come quello al quale abbiamo assistito oggi.

Nel pomeriggio sono state inaugurate formalmente le nuove panchine letterarie di cui avevo già scritto in precedenza. Appuntamento alle 17 per una vera e propria passeggiata letteraria leggendo le parole degli autori omaggiati e ammirando la bellezza del meraviglioso tramonto sul lago.

Anche qui il Sindaco rinnova un sentito ringraziamento a tutto il coordinamento nato in occasione dell’adesione al patto per la lettura, naturalmente presenti anche le Donne di Carta, Roberta Conigliaro, Chiara Fabbri, Alberto Tabellini e tutto il gruppo che ha lavorato e continua ad impegnarsi ogni giorno per la realizzazione di progetti nell’ambito dei beni comuni.

Conclude il nostro concittadino Nando Morichelli, tra gli autori ai quali è stata dedicata una panchina letteraria, che propone al pubblico una poesia inedita proprio sulle nuove sedute; come dice Terzani  “I poeti, i poeti hanno un grande ruolo nella storia dell’umanità: sono quelli che indicano la meta, quelli che indicano la luna, quelli che ci fanno sentire che abbiamo un’altra dimensione a parte quella di questa materia.”
Claudia Soccorsi
redattrice L’agone

Ultimi articoli