A Cerveteri una mostra nel centenario dalla morte del capitano pilota Gordesco

È considerato uno dei pionieri del volo e dell’Aeronautica Italiana: Mario Ugo Gordesco. A lui, è dedicato l’Aeroporto Militare di Furbara, a Cerveteri, sede del 17° Stormo Incursori dell’Aeronautica Militare.

Ed è proprio a lui, che a 100anni dalla sua scomparsa, l’Associazione Arma Aeronautica Sezione Ladispoli Cerveteri, insieme al 17° Stormo Incursori e con la partecipazione del Comune di Cerveteri ha organizzato una mostra fatta di immagini, reperti e cimeli legati al mondo dell’aviazione e alla figura del Capitano Pilota che fu pioniere nel primo volo di gruppo della storia aviatoria Roma – Tokyo del 1920.

L’appuntamento all’interno dell’Aula Consiliare del Granarone nelle giornate di venerdì 13, sabato 14 e domenica 15 maggio. Inaugurazione, il 13 maggio alle ore 16:00, mentre nei giorni di sabato e domenica rimarrà aperta dalle ore 10:00 alle ore 12:00 e dalle ore 16:30 alle ore 19:00.

“Un evento di pregio quello che ci prepariamo ad ospitare all’interno dell’Aula Consiliare del Granarone – dichiara il Sindaco di Cerveteri Alessio Pascucci – grazie all’eccellente e minuzioso lavoro dell’Associazione Arma Aeronautica del nostro comprensorio, sempre attenta e impegnata nel mantenere viva la memoria e le gesta di figure militari di elevato spicco che hanno contraddistinto la storia del nostro Paese, per tre giorni sarà possibile visitare questa mostra davvero preziosa interamente dedicata a uno dei simboli dell’Aeronautica militare italiana. Una menzione particolare ci tengo a farla a Stefano Visione, Altiero Staffa e Francesco Vizioli, con i quali da anni la nostra amministrazione collabora in maniera assidua nelle attività di cerimoniale ed in particolar in occasione della Festa della Liberazione e della Festa dell’Unità d’Italia e delle Forze Armate”.

“Invito tutta la cittadinanza, ed in particolar modo i più giovani e le famiglie con bambini, ad andare a visitare la mostra – prosegue il Sindaco Pascucci – e con l’occasione ringrazio anche di vero cuore il 17° Stormo Incursori di Furbara, realtà fondamentale e sempre presente in tante occasioni all’interno della nostra città”.

Gordesco è Medaglia d’argento al Valor Militare, Medaglia di bronzo al valor militare, Cavaliere dell’Ordine della Corona d’Italia, Medaglia commemorativa della guerra italo-austriaca 1915 – 1918, Medaglia commemorativa dell’Unità d’Italia e Medaglia commemorativa italiana della vittoria.

Gordesco è nato ad Arcola, comune in Provincia di La Spezia nel 1884 ed è morto nel 1920, proprio in occasione del primo raid aereo della storia. La Giunta Municipale di Arcola e la popolazione tutta gli tributarono onori e trionfi. La piazza e la via lungo la quale si trova la casa paterna vengono chiamate con il suo nome. Il Cap. Gordesco, a cento anni dalla sua morte, riposa nel cimitero di Baccano di Arcola

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui