Renzi allineato a destra: “Dpcm non ferma i contagi, aumenta i disoccupati e crea tensioni”

124

Dal leader di Italia Viva pesanti critiche allʼesecutivo: “Eʼ un decreto che non riduce il numero dei contagiati, ma aumenta il numero dei disoccupati”.

 

“Servono decisioni basate su valutazioni scientifiche e non su emozioni irrazionali. Dovremo convivere con il virus ancora per qualche mese: occorre organizzarsi in modo lucido, non con scelte improvvisate” e il “decreto è tecnicamente sbagliato perché non poggia su dati scientifici, ma sulle ansie di alcuni ministri”. Lo ha detto Matteo Renzi, aggiungendo: “E’ un decreto che non riduce il numero dei contagiati, ma aumenta il numero dei disoccupati”.

“Fomenta le tensioni sociali di un Paese diviso tra garantiti e non, crea un doppio binario sui ristori economicamente insostenibile nel medio periodo”, dice ancora a Repubblica. “L`utilità del Dpcm dal punto di vista sanitario è tutta da dimostrare, mentre è certo sia dannoso a livello economico e sociale”.

Renzi precisa: “Auspico che non si arrivi al lockdown, ma è più comprensibile un lockdown serio e spiegato bene come ha fatto Macron che non procedere con decreti continui come fosse una telenovela”. “Facciamo un piano serio, anche duro se serve, ma un piano strategico da qui a sei mesi. Non decreti a getto continuo che scadono dopo sei giorni”, conclude.

(Globalist)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui