WWF Monti Sabatini, passeggiata ecologica e di pulizia: resoconto e immagini

243
Riceviamo e pubblichiamo
Una ventina di volenterosi di tutte le età, sabato 19 settembre u.s., hanno risposto all’appello rivolto dal Gruppo WWF Monti Sabatini per una passeggiata ecologica e di pulizia lungo alcuni tratti del territorio braccianese.

 

 

L’iniziativa del Gruppo WWF era inserita nella più ampia manifestazione annuale “Urban Nature” prevista il prossimo 4 ottobre in molte città che nel nostro paese, a vario titolo, studiano e divulgano l’importanza della biodiversità urbana e sono promotrici di esperienze civiche di gestione degli spazi verdi.

In tale ambito, gli organizzatori si sono prefissi di procedere alla pulizia di alcune parti del Fosso dei Quadri, -importante canale che raccoglie le acque pluviali (chiare) provenienti, sia dalla parte alta di Bracciano (monte Cotognola), sia dal Fossato del centro storico cittadino-, che sfocia nel Lago prima della spiaggia di Santo Celso.

 

 

 

E’ opportuno ricordare che dalla fine degli anni ‘80 i paesi Sabatini, riuniti nel consorzio COBIS (COnsorzio Bacino Idrico Sabatino) per la tutela della qualità delle acque del Lago di Bracciano, raccolgono e trattano i liquami prodotti prima della loro reimmissione nell’ambiente.

Una ricognizione effettuata nei giorni precedenti all’operazione di bonifica, aveva evidenziato la presenza di numerosi rifiuti solidi ingombranti e altro materiale plastico e metallico, sia nelle immediate vicinanze, sia nell’alveo del Fosso che, se non raccolti, inevitabilmente con le piogge autunnali ed invernali si sarebbero riversati nel lago.

 

Dopo il raduno alle 09:00 precise a piazza Gen. Giardino (Pasqualetti), equipaggiati di pantaloni pesanti, camicie a maniche lunghe, scarponi e guanti da lavoro e “armati” di molle prendi oggetti, bastoni chiodati, pale ed attrezzi vari, i volenterosi hanno “pacificamente” invaso i tratti di fosso necessitanti degli interventi di pulizia pianificati, sotto la direzione del naturalista Luigi

 

il coordinamento di Maurizio M. ed il sempre generoso supporto di alcuni componenti del Gruppo SalvaguardiAmo Bracciano, trainati da Massimiliano Dell’Aquila.

 

 

Tra la generale curiosità di alcuni cittadini in transito o affacciati dalle finestre delle proprie case, l’attività si è concretizzata con la raccolta di diversi quintali di materiale, sparso in un ambiente talvolta caratterizzato da completa incuria e da vero spregio del nostro territorio, testimoniato dallo scellerato abbandono di carcasse di motocicli, elettrodomestici, materiali ingombranti e di risulta da ristrutturazioni edili.

 

 

In condizioni ambientali di oggettiva difficoltà, tutto il ciarpame accumulato è stato dagli intervenuti selezionato, impacchettato per tipologia e poi trasportato all’isola ecologica comunale con il mezzo dei volontari di SalvaguardiAmo Bracciano.

L’iniziativa si è conclusa ben oltre le programmate ore 12:00, in un contesto di generale soddisfazione ed appagamento.

I partecipanti -donando parte del proprio tempo ed offrendo disinteressata disponibilità- hanno testimoniato il proprio genuino rispetto del territorio, serbando nel cuore la speranza di aver -con l’esempio- sensibilizzato le altre realtà civiche, e soprattutto quella parte della cittadinanza talvolta poco attenta, agli ideali di salvaguardia e cura del nostro paese ed in generale del nostro unico pianeta.

Gianni Palumbo

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui