LAGONE

Bracciano, conferita la cittadinanza onoraria al “Capitano Ultimo”- Il Sindaco Tondinelli: “Un umile servitore dello stato che ha lottato contro la mafia e che difende i più deboli”

Bracciano, conferita la cittadinanza onoraria al “Capitano Ultimo”- Il Sindaco Tondinelli: “Un umile servitore dello stato che ha lottato contro la mafia e che difende i più deboli”
agosto 02
10:10 2019
Bracciano, conferita la cittadinanza onoraria al “Capitano Ultimo”. Il Sindaco Tondinelli: “Un umile servitore dello stato che ha lottato contro la mafia e che difende i più deboli”
L’amministrazione guidata dal Sindaco di Bracciano Armando Tondinelli ha conferito la cittadinanza onoraria al “Capitano Ultimo”, il Colonnello Sergio De Caprio che ha fatto della lotta alla mafia la sua ragione di vita.

Il Capitano Ultimo ha fondato una casa famiglia per ragazzi disagiati presso la “Tenuta della Mistica” a Roma, con laboratori artigianali, un parco per bambini, aree dedicate a coltivazioni ed altre tipologie di attività al fine di offrire alle fasce più deboli della popolazione accoglienza e supporto, sviluppando una microeconomia di sopravvivenza.
Di alto valore morale le motivazioni che hanno spinto il Sindaco Tondinelli e la sua compagine a conferire a De Caprio la cittadinanza onoraria:“ Per aver dedicato – si legge nell’atto votato mercoledì 31 agosto in Consiglio Comunale – la sua intera esistenza agli altri, ai più fragili ed ai più deboli, senza mai aspettarsi nulla in cambio, svolgendo il proprio servizio con grande semplicità ed umiltà, combattendo contro l’ingiustizia e la criminalità, promulgando, attraverso il suo esempio e la sua condotta di vita, quei valori etici e morali che devono sempre guidare le scelte e le coscienze di tutti i popoli”.

Tutti i Consiglieri di maggioranza hanno votato a favore tranne la consigliera del Pd Chiara Mango che si è astenuta.
Il Sindaco di Bracciano Armando Tondinelli si dice onorato di aver potuto conferire questo importante riconoscimento a un servitore dello Stato che si dedica con abnegazione alla difesa dei più deboli: “Il servizio che il Colonnello Ultimo ha svolto – ha dichiarato il primo cittadino Tondinelli –  è da considerarsi un elevato esempio di profondo senso civico. Parliamo di una persona profondamente umile, totalmente dedita a proteggere il prossimo, a garantire la sicurezza dei cittadini senza, come lui sottolinea sempre nelle sue dichiarazioni, aspettarsi nulla in cambio. È infatti questo uno degli aspetti che connotano il suo servizio nell’Arma dei Carabinieri: la spinta a donarsi senza nulla chiedere, donarsi per poi tornare ad essere niente, rifiutando di essere considerato un eroe, imparando a convivere con la paura ed accettando quel “sacrificio che non paga”, con grande semplicità e, al tempo stesso, con grande amore per il popolo, per la comunità a lui affidata”.

Sergio De Caprio nasce a Montevarchi il 21 febbraio 1961. Ex allievo della Scuola militare “Nunziatella” di Napoli, vince il concorso per l’Accademia militare di Modena, dove compie gli studi e la formazione, ricevendo il grado di tenente dei Carabinieri e prestando servizio alla Compagnia di Bagheria, dove nel 1985 arresta il latitante Antonino Gargano e Vincenzo Puccio, il killer del capitano dei Carabinieri Emanuele Basile.
Da Capitano viene trasferito a Milano, dove sviluppa le indagini dell’inchiesta definita “Duomo connection”, sulla penetrazione mafiosa negli ambienti milanesi, che porta all’arresto di alcuni pregiudicati siciliani e del loro presunto boss, Antonino Carollo.
Successivamente, è a capo della I Sezione del I Reparto del ROS e crea una unità Militare Combattente, denominata CRIMOR e composta da carabinieri operativi a Palermo. Nel 1993, il 15 gennaio, arresta il boss Salvatore Riina, ma dovrà poi difendersi dall’accusa di aver svolto con intenzionale ritardo la perquisizione del “covo” del boss e che in realtà Riina sarebbe stato consegnato da Bernardo Provenzano. Successivamente, il Tribunale di Palermo ha assolto il Capitano De Caprio dalle accuse che gli erano state mosse contro.

Da comandante della sezione del ROS di Palermo col grado di maggiore, nel maggio del 2000 chiese il trasferimento ad altro incarico e venne assegnato al Nucleo Operativo Ecologico dei Carabinieri (NOE), poi CCTA (Comando Carabinieri per la Tutela dell’Ambiente), come vice comandante. A Roma, grazie all’aiuto e all’appoggio dell’attore Raoul Bova (suo interprete nella miniserie Ultimo) e della Nazionale Cantanti, ha aperto una casa-famiglia per il recupero e il reinserimento di minori disagiati o figli di famiglie segnate dal crimine. Suscitando grande scalpore, nell’ottobre 2009, viene tolta al Capitano Ultimo la scorta, riassegnatagli solo nel gennaio 2010.
Dal maggio 2018 gli viene affidato l’incarico di direttore attività convenzionali del Comando per la tutela della biodiversità e dei parchi dei Carabinieri Forestale (CUTFAA).

0 commenti

Nessun commento ancora!

There are no comments at the moment, do you want to add one?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

La tua e-mail non verrà pubblicata.
I campi obbligatori sono segnati *

LEGGI IL NUMERO DI LUGLIO 2019!

Iscriviti alla Newsletter!