Intervista a Paolo Mellucci, Presidente del Consorzio con Te A

122

INTERVISTA A POLO MELLUCCI, PRESIDENTE DEL CONSORZIO CON TE A

 

MG: Ci parli della genesi di CON TE A.

PM: L’idea nasce dalla necessità di far vivere il teatro amatoriale e di mantenere viva la sua importanza e presenza a livello culturale. Oggi fare teatro, anche a livello amatoriale, è diventata un’impresa epica.

MG: Quali problematiche avete dovuto affrontare?

PM: A parte le tante difficoltà burocratiche che si incontrano, una delle difficoltà più grandi è trovare gli spazi: per provare, per realizzare una scenografia, per conservare le stesse dopo la loro realizzazione…

MG: Quindi per ora vi appoggiate ad altri teatri già esistenti?

PM: Purtroppo sì, e la cosa grave è che i costi che vengono richiesti dai vari teatri sono piuttosto ingenti. Oggi non esistono più le direzioni artistiche che valutano un’opera e poi decidono di rischiare insieme alla compagnia. Se poi quest’ultima è amatoriale peggio che mai. E allora si è costretti ad affittare lo spazio teatrale a costi molto elevati. Se pensiamo che un affitto giornaliero varia tra le 250 e le 500 euro giornaliere, per teatri normali, significa che tutte le sere le compagnie sono costrette a regalare dai 25 ai 50 spettatori al teatro. Questo ipotizzando un biglietto d’ingresso di 10 euro.

MG: Una compagnia amatoriale da sola non potrebbe sostenere spese simili?

PM: No. Da qui l’idea di unire le forze di più compagnie in maniera tale da poter portare avanti una stagione intera e poter quindi ottenere un abbattimento dei costi.

MG: Come procede la convivenza tra le varie compagnie?

PM: Non è facile far convivere le compagnie, abituate ad avere il proprio pubblico ed il loro modus operandi. Abbiamo dovuto far capire che solo attraverso l’unione si può ottenere un riconoscimento del lavoro svolto.

MG: Parliamo di compagnie amatoriali; cosa si intende esattamente?

PM: Amatoriale non significa scarsa qualità; semplicemente queste compagnie sono composte da attori che lo fanno per passione. La passione non prescinde la qualità, anzi!

MG: Bene, ci parli dei traguardi sin qui raggiunti da CON TE A.

PM: Noi dopo tre anni dalla nostra nascita come Consorzio abbiamo già realizzato due stagioni teatrali autoprodotte e ci accingiamo ad inaugurarne una nuova a partire da novembre 2019. L’impegno è piuttosto importante in quanto fanno parte del Consorzio 15 compagnie, ciascuna con il proprio repertorio e le proprie peculiarità.

MG: Avete ricevuto aiuti dalle istituzioni?

PM: La Regione Lazio ed il Vicariato di Roma, riconoscendo la bontà dell’iniziativa, ci hanno concesso il loro patrocinio gratuito. Di ciò siamo molto orgogliosi, perché è importante veder riconosciuto il proprio impegno sul territorio dal punto di vista culturale.

MG: Progetti per il futuro?

PM: Il nostro sogno è quello di poter avere uno spazio tutto nostro dove far nascere e crescere la “Casa del Teatro Amatoriale”. Inoltre vorremmo poter avviare laboratori teatrali, per tecnici, scenografi ecc., persone che si avvicinano per la prima volta al mondo del teatro.

MG: Pensate di farcela con le vostre forze o ritenete di aver bisogno di supporto da parte delle istituzioni?

PM: Abbiamo più volte cercato aiuto in Regione per questo aspetto, ma ahimè non abbiamo mai avuto riscontro. Il nostro appello è “Salvaguardiamo il teatro amatoriale perché è un bene prezioso per avvicinare i giovani al mondo del teatro”. Noi vorremmo avere uno spazio nostro! Questo è il nostro sogno. Per realizzare stagioni teatrali solo per compagnie amatoriali. Ci auguriamo che presto qualcuno possa ascoltare il nostro appello! Ho coniato un termine che racchiude la voglia di fare squadra: l’unione fa il teatro!!

Vi ricordiamo che  dal 24 al 27 luglio potrete assistere a ben quattro serate dedicate a “Teatro Musica e Cabaret” presso il VivaSporting di Bracciano. Consultate il sito e le pagine facebook per tutte le informazioni!

Monia Guredda

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui