LAGONE

Cassia bis “discarica diffusa”

Cassia bis “discarica diffusa”
aprile 17
09:26 2019

Trevignano Romano, Anguillara Sabazia, Bracciano con i loro centri storici, gli angoli inaspettati, i ristorantini, le locande, i pub. E ancora il lago di Bracciano, il parco, le colline, il lago di Martignano….. Luoghi meravigliosi, che tantissime persone adorano visitare per rilassare la mente e il corpo, abbandonando il “frenesio della vita moderna”. Peccato che insieme ad esso, lungo la Cassia bis, abbandonino anche tantissimi ricordi: sacchi della spazzatura, frigoriferi, pneumatici, materassi, mobili e chi più ne ha più ne metta, in una dimostrazione di totale inciviltà.  Praticamente tutte le aree di sosta si sono trasformate in gigantesche, vergognose e pericolose discariche a cielo aperto.  E’ urgente l’intervento del servizio raccolta rifiuti, perché in alcune di esse è ormai impossibile sostare essendo per buona parte occupate da rifiuti. Cosa dovrebbe fare un automobilista in difficoltà, con l’auto in panne? Sostare sulla carreggiata? Senza contare un altro pericolo: quello dei rifiuti sollevati dal vento o spostati dalla pioggia. Una situazione indecorosa cui gli enti preposti debbono porre fine al più presto attuando anche ogni forma di disincentivo, dal posizionare telecamere all’elevare multe salatissime a chi venisse colto in flagranza.

paolascarsi

 

Share

2 commenti

  1. gandalf
    gandalf aprile 17, 10:05

    Che dire !!! La civiltà di un popolo si misura in molti modi. Questo è uno. Una domanda a chi fa questo.. la fatica di creare questo scempio peraltro pericoloso non è uguale alla fatica di andare in discarica?

    Rispondi a questo commento
  2. Vanda
    Vanda aprile 17, 12:05

    Ma chi deve provvedere alla pulizia di queste piazzole?
    È responsabilità l’AMA o i comuni lungo la Cassia ?
    Comunque si provveda a mettere delle telecamere e fare multe salatissime a questi incivili

    Rispondi a questo commento

Scrivi un commento

La tua e-mail non verrà pubblicata.
I campi obbligatori sono segnati *

LEGGI IL NUMERO DI MARZO 2019!

Iscriviti alla Newsletter!