LAGONE

PD Bracciano: Attenzione per i particolari? La giornata tipo di un bambino di Bracciano

PD Bracciano:  Attenzione per i particolari? La giornata tipo di un bambino di Bracciano
aprile 16
08:49 2019

Attenzione per i particolari? E’ la visione di insieme che manca all’amministrazione comunale.

“L’attenzione ai cittadini si nota anche e soprattutto dalla cura ai particolari”. Questa la dichiarazionedell’Assessore Bentivoglio in merito alla riapertura del campetto sportivo polifunzionale di Via dei Lecci.

I particolari non curati: la giornata tipo di un bambino a Bracciano

Potremmo continuare a scrivere fiumi di parole sui particolari che interessano all’Amministrazione Tondinelli e sui “particolari” che invece non curano affatto, ma oggi vogliamo proporvi un’esperienza innovativa: proviamo ad immaginare la giornata tipo di un bambino di Bracciano, magari proprio uno di quelli che, durante l’inaugurazione del campetto, ha intonato l’inno di Mameli.

Come va a scuola?

La mattina, quando viene accompagnato a scuola, vive l’esperienza del rally urbano tra le strade del paese: sia esso accompagnato dai genitori, da un parente, o dallo scuolabus, è costretto a passare fra le buche di via dei Lecci, che, purtroppo, nonostante i video propaganda di Tondinelli, ancora versa in condizioni indegne.

Il bambino che va a scuola a via dei Lecci, però, se la passa sicuramente meglio di quelli che frequentano la scuola materna comunale dei Pasqualetti, perché almeno lui sa che l’anno prossimo tornerà nella sua attuale scuola, mentre i secondi purtroppo non godono di questa certezza.

Dove può fare sport?

Finita la scuola, il bambino affronta di nuovo i crateri braccianesi, torna a casa, e se disgraziatamente sognasse di giocare a calcio, a pallavolo, a basket a badminton, o fare atletica leggera, saprebbe che, grazie all’incapacità di chi governa il suo paese, le strutture comunali che gli permetterebbero di coltivare il suo sogno (campo sportivo e palazzetto dello sport) sono chiuse ormai da più di un anno.

Fortunatamente per lui, a Bracciano le associazioni sportive fanno di tutto per permettergli di coltivare la sua passione, e, nonostante le difficoltà, continuano a svolgere la loro attività.

Se poi, dopo aver fatto sport, il bambino volesse fare una attività culturale extrascolastica di qualsiasi tipo, dalla musica al teatro, dovrebbe anche qui affidarsi alla professionalità delle numerose associazioni che promuovono la cultura sul territorio in tutte le sue forme, le quali, senza alcun sostegno dal Comune, trovano da sole gli spazi e le risorse per mantenersi.

Infatti le associazioni non possono utilizzare il centro civico né l’auditorium, il primo mai aperto, il secondo chiuso ormai da più di un anno.

Il nostro bambino, purtroppo, è abituato a tutto questo, e con entusiasmo accoglie la possibilità di passare il pomeriggio giocando a calcetto con i suoi amici nel nuovo campetto (mentre, se volesse giocare nella squadra di calcio locale, avrebbe bisogno di un passaggio a Vigna di Valle, dove le società calcistiche braccianesi continuano a garantire le attività sportive mentre il campo comunale rimane chiuso).

Un appello per la visione di insieme

All’Assessore che cura i particolari e a tutta l’amministrazione ci sentiamo di fare un appello: curate un po’ meno i particolari e date un’occhiata all’insieme, a come avete ridotto Bracciano, e prendetene atto.

Noi vi capiamo: dopo due anni e mezzo di fallimenti vi basta mezza strada asfaltata e un campetto sistemato per tirarvi su di morale.

Peccato che Bracciano meriti di più; allo stato attuale delle cose state semplicemente rimuovendo un sassolino dalle macerie che avete creato. Prima di festeggiare per i vostri “successi” guardatevi intorno e meditate.

Non pretendiamo grandi miglioramenti, ma soltanto rispetto per i beni comuni. Qualcuno penserà che siamo ripetitivi nel nelle nostre denunce, ma, come dicevano i latini, “repetita iuvant” (almeno lo auspichiamo!)

P.S. Il progetto di raddoppio della FL3 Roma-Viterbo

P.S. Continuano ad arrivare commenti interessati ed entusiasti al progetto di raddoppio della linea Roma-Viterbo, sia dagli organi di stampa che dai cittadini, segno della bontà dell’iniziativa.

Un entusiasmo non condiviso però dalla nostra amministrazione che fin dall’incontro di martedì scorso, mentre già si perdeva nei particolari di Bracciano perdendo di vista il quadro generale del nostro paese, trovava anche il il tempo di criticarlo per puro spirito di convenienza politica.

Share

0 commenti

Nessun commento ancora!

There are no comments at the moment, do you want to add one?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

La tua e-mail non verrà pubblicata.
I campi obbligatori sono segnati *

LEGGI IL NUMERO DI MARZO 2019!

Iscriviti alla Newsletter!