Pomezia, il Comune ha presentato a Palazzo Valentini i dati dell’Osservatorio Turistico

183

 

Pomezia ha tutte le carte in regola per diventare Destinazione Turistica. Questo è il principale risultato della prima edizione dell’Osservatorio Turistico della città, che mette a disposizione i suoi dati alle imprese e ai cittadini pometini.

La prima constatazione è che Pomezia esce a testa alta dal cono d’ombra in cui è stata spesso confinata, e punta ormai in modo consapevole al turismo come potente fattore di sviluppo.

“I risultati dell’Osservatorio turistico – ha detto il Sindaco di Pomezia Fabio Fucci durante la conferenza stampa presso Palazzo Valentini – dimostrano che Pomezia è una Città dalle grandi potenzialità attrattive. La nostra Amministrazione ha in questi anni lavorato affinché si creassero le condizioni per far crescere il turismo: pulizia e decoro urbano, riqualificazione del litorale, parcheggi e infrastrutture, collaborazione virtuosa con le strutture ricettive, efficienza dei trasporti, rilancio del Museo Lavinium e apertura dell’area archeologica. Puntiamo molto sul turismo: le risorse paesaggistiche e naturalistiche di cui Pomezia è ricca sono al centro del nuovo piano regolatore che stiamo per approvare”.

Dinamismo, crescita, innovazione, progettualità: negli ultimi 10 anni le strutture ricettive sono cresciute del 47% mentre la media Italiana è a valore negativo e quella regionale cresce ma solo del 16%.

A Pomezia si riscontra quindi un sistema ricettivo in buona salute e relativamente florido, in particolare vocato al segmento MICE (meeting, incentive, congressi e business), ma non solo.

Cade anche lo stereotipo che dipingeva Pomezia come comune satellite di Roma, e questo è confermato dall’indagine svolta sui turisti, che per oltre il 60% si trovano a Pomezia non per caso, ma per motivi di lavoro/meeting generati dal territorio. Solo il 18% invece pernotta a Pomezia dovendo poi andare a Roma per lavoro.

Ma alcuni spazi di miglioramento emergono quando dal sistema ricettivo si passa ai servizi, principalmente perché questi, pur presenti, non sono conosciuti: un turista su quattro afferma di non sapere niente di Pomezia, che lega invece la propria notorietà soprattutto a Zoomarine e a Castel Romano Outlet (anche se non ricade nel territorio Comunale).

Eppure le potenzialità da sfruttare sono tante e i segmenti di pubblico che frequentano il territorio di Pomezia sono diversificati: le famiglie a Zoomarine, il Centro Storico visitato da più della metà dei turisti, i gruppi e le coppie che apprezzano la visita al Museo Archeologico Lavinium. Per non parlare delle altre risorse come Torvajanica, il Borgo di Pratica di Mare, e così via.

Si tratta quindi di “collegare i puntini” (anche grazie al nuovo Piano Regolatore in corso di elaborazione), farli parlare tra di loro (anche con gli opportuni strumenti tecnologici) e raccontarli insieme.

Rendere le informazioni fruibili e sistemiche, non più frammentate e autoreferenziali, è anche la richiesta esplicita degli operatori del sistema ospitale di Pomezia.

E Pomezia dimostra comunque un grande punto di forza su cui fare leva: quasi il 60% dei turisti ci sono già stati almeno una volta, e si tratta di un altissimo grado di fedeltà, un patrimonio ancora tutto da sfruttare con proposte diverse anche per stagioni diverse.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui