Galloni: «Puntiamo a rendere il festival un appuntamento a livello internazionale»

614

Trevignano è stata invasa da una intensa ondata di arte di strada diffusa, migliaia le presenze per un festival che alla sua seconda edizione ha raccolto il favore dei turisti e delle attività economiche trevignanesi. Ne ha parlato il vicesindaco Galloni nel corso di un breve “faccia a faccia”

Lei che ha voluto fortemente questo festival sul suo territorio, è soddisfatto della seconda edizione

«Si è vero, è stata una scommessa iniziata lo scorso anno in modalità streaming per via del lockdown e quest’anno grazie agli organizzatori delle scuderie “Martelive” abbiamo registrato un successo straordinario. Puntiamo a lanciarlo a livello internazionale seguendo le orme del già affermatissimo festival dei cugini di Tolfarte».

Cosa distingue secondo lei Frammenti dagli altri festival?

«Frammenti “MArteLive” non è solo un festival di artisti di strada, ma è piuttosto un grande evento che mette in dialogo arte, luogo e visitatori. Un percorso multidisciplinare che mette al centro lo spettacolo dal vivo nelle sue forme più variegate, creando un dialogo tra le arti e il pubblico che le attraversa. Musica dal vivo e dj set, danza, teatro, arti performative, live painting, interventi di street art, esposizioni di manufatti di riciclo creativo ed eco design. Le opere proposte sono il frutto di un’accurata indagine del territorio e dell’abbinamento ad hoc di espressioni d’arte e spazi, per trasformare e rivitalizzare i luoghi più incantevoli di Trevignano. Gli atti performativi realizzati dagli artisti delle Scuderie MArteLive amplificano in modo innovativo le bellezze del territorio, volano per la promozione culturale e turistica, eco di nuove suggestioni per vicoli, scorci, palazzi storici, monumenti, chiese, muri, spazi culturali, gallerie, grotte, torri, rocche e parchi attraversati da questa onda d’arte».

Dunque… un programma fitto e diffuso?

«Si, lo paragonerei a un caleidoscopio di espressione creativa, grazie a più di 40 performer che si esibiscono in un programma fitto e ricco fatto di luci, colori, suoni e immagini. Otto ore di spettacolo durante le quali gli artisti e il territorio si fondono accompagnando i visitatori in una inedita modalità di interazione. Dalla Piazza del Molo alla Piazza del Comune, passando per le piazzette e le vie del centro storico, arrivando fino al Lungolago ed entrando nell’aula Consiliare, il cinema “Palma” e il centro culturale “La Fontana”, in un continuo intersecarsi e amalgamarsi di concerti di musicisti eccezionali, spettacoli di circo contemporaneo e acrobatica aerea, slapstick show e clownerie, poesia e teatro, danza contemporanea e fire show, installazioni site specific ed esposizioni. Già si sta lavorando alla terza edizione e, mantenendo per ora il riserbo, promettiamo nuove sorprese».

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui