Bianchini: “Il Tax day arriva nel momento peggiore, serve un patto fiscale”

90

«Dal 1° giugno l’intero comparto dell’ospitalità a tavola ha ricominciato a respirare aria di lavoro e si troverà, da subito, a dover far fronte al Tax day. Il 30 giugno, infatti, cadrà la mannaia di 144 (centoquarantaquattro) scadenze fiscali. Mai momento fu meno opportuno. Il settore Horeca non merita ulteriori problemi, oltre a quelli creati finora da scelte politico-ideologiche che lo hanno severamente penalizzato».

Lo ha dichiarato Paolo Bianchini, presidente dell’associazione di categoria MIO ItaliaMovimento Imprese Ospitalità.

«Sta per arrivare una valanga di versamenti, adempimenti, comunicazioni, dichiarazioni e istanze. Quello che serve è un patto fiscale. È del tutto evidente, infatti, l’urgenza di una proroga per alcune di queste scadenze e la cancellazione per altre, in modo che il comparto traino del made in Italy possa avere il tempo di riprendersi economicamente», ha concluso Paolo Bianchini.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui