Preso con 2 chili di droga dice «lo faccio per i figli»

174

«Spaccio per dare un futuro ai figli », ma suo cognato è stato arrestato e condannato per una maxi operazione contro l’ndrangheta. A dire quelle parole per tentare di giustificare la presenza in casa di due chilogrammi di marijuana e di un «sasso» di cocaina, è stato un 44 enne calabrese, manovale edile, arrestato dai carabinieri a Seregno (Monza). Quando i militari hanno bussato alla sua porta l’uomo avrebbe chiesto: «Come avete fatto a trovarmi?», perché incensurato. Durante la perquisizione del suo appartamento da parte dei militari dell’Arma, alla porta si è presentato un suo amico, risultato essere il nipote di tre persone uccise dall’ndrangheta. Le indagini dei militari non escludono che il giro di spaccio sia collegato all’organizzazione criminale.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui