LAGONE

Franco Anelli, rettore della Cattolica: alleanza per il Paese

Franco Anelli, rettore della Cattolica: alleanza per il Paese
Settembre 20
07:46 2020

Nella domenica che la Chiesa dedica all’ateneo fondato da padre Gemelli, un bilancio del difficile periodo vissuto in questi mesi e guarda agli obiettivi futuri

 

Un grande impegno per «gestire» l’attuale emergenza e soprattutto «governare» l’immediato futuro con la ripresa dell’attività accademica. Il tutto nella consapevolezza della propria storia passato e anche di quella che si sta creando ora. È uno sguardo a 360 gradi quello che il rettore dell’Università Cattolica Franco Anello fa nel giorno che la Chiesa italiana dedica all’ateneo dei cattolici italiani. E non a caso lo stesso tema scelto per la 96ª Giornata nazionale, promossa dall’Istituto Giuseppe Toniolo, è proprio “Alleati per il futuro”.

Professor Anelli, l’Anno accademico che si sta per aprire è “speciale” sotto molti punti di vista. Iniziamo da quello didattico. La pandemia non è terminata e le norme di sicurezza permangono. Come ripartirete con le lezioni, gli esami e le lauree?

L’esperienza dei campus svuotati per la pandemia ha reso la nostra comunità universitaria ancora più consapevole del fatto che la conoscenza è relazione e che, come ricordava Papa Francesco agli atenei cattolici pochi giorni prima dell’emergenza, «l’educazione è una realtà dinamica, è un movimento, che porta alla luce le persone». Con questo spirito abbiamo iniziato ad accogliere di nuovo nelle nostre aule gli studenti, la cui presenza fa rivivere l’Università. Nello stesso tempo avvertiamo l’importanza di quello che abbiamo imparato sulla didattica a distanza e sulle nuove tecnologie. Non è stato un percorso facile. Si è trattato di commutare, in pochi giorni, in modalità digitale un’università presente in cinque città, con più di 40mila studenti, quasi 1.500 professori. L’operazione, superata qualche inevitabile difficoltà iniziale, è riuscita; e di ciò ringrazio tutte le componenti dell’Università, e in particolare i docenti, che si sono impegnati per passare dalle tradizionali forme di didattica alla modalità online senza penalizzare la qualità dell’insegnamento e la relazione con lo studente, che è tra i punti di forza della nostra azione educativa. Nel nuovo anno la didattica in presenza avverrà nel rispetto delle prescrizioni sanitarie, con l’ausilio delle strumentazioni necessarie (nuove telecamere che consentono la diffusione in streaming delle lezioni svolte in aula) e di una App che consente agli studenti di gestire il posto nelle aule, dove saranno garantiti distanziamento sociale e sanificazioni. Abbiamo lavorato, inoltre, sull’orario dei corsi, estendendolo e includendo anche il sabato.

Come è possibile in questa situazione preservare il rapporto educativo, l’importanza dell’incontro tra docente e studenti?

Tra i meriti di tanti nostri docenti c’è l’inclinazione a coltivare, anche nelle nuove modalità, la centralità del rapporto tra chi insegna e chi apprende; un impegno che emerge, per esempio, nella partecipazione dei docenti ai corsi proposti dall’Ateneo per valorizzare, con metodo, l’aspetto interattivo delle lezioni. La didattica «aumentata digitalmente» offre nuove possibilità sia per dar voce a domande e osservazioni degli studenti sia per ampliare la documentazione dei corsi.

Nei mesi scorsi avete messo in campo molte iniziative per essere vicini agli studenti. Quali secondo lei le più significative?

L’esempio più immediato è il Fondo intitolato a padre Gemelli promosso e alimentato dall’Università con un significativo stanziamento e aperto a donazioni private: abbiamo aiutato circa 2.000 studenti, che per effetto della pandemia avevano difficoltà nel pagamento dei contributi universitari. Aggiungo poi gli investimenti, intorno ai 5 milioni di euro, volti a potenziare le tecnologie per la didattica e, in parte, per la ricerca.

La crisi economica e i timori per il Covid-19 rischiano di riflettersi sulle iscrizioni. La Cattolica non sembra aver subito flessioni, segno di apprezzamento. Ma cosa significherebbe per il mondo accademico e l’intero Paese una “fuga” dalle università?

Le notizie sui nuovi iscritti sono molto buone e premiano gli sforzi fatti negli anni per arricchire costantemente l’offerta formativa, migliorare la qualità dei servizi, aumentare gli spazi e ammodernare le sedi. Una fuga dalla formazione universitaria avrebbe comportato un impoverimento culturale e politico della società. L’università, in particolare in questo periodo storico, non deve essere solo un luogo in cui ci si specializza in una disciplina: qui si impara ad apprezzare la conoscenza come bene sociale fondamentale. Questa è la vocazione politica dell’università: far crescere individui capaci di riconoscere il valore della competenza. Oggi invece sembra in molti casi che la mancanza di preparazione venga elevata a valore, simbolo di novità, di rottura di legami con assetti e dinamiche sociali del passato; ma è un errore: la carenza di cultura è solo assenza, vuoto, ed è un danno molto grave per la polis, direi esiziale. L’università deve creare persone che hanno rispetto per la cultura, che hanno, usando una bella espressione cara al Santo Padre, «sapienza». Perseguire questo obiettivo mediante un’educazione alla relazione che è educazione alla polis, è la nostra missione politica e sociale.

Tra i motivi che rendono speciale questo anno c’è anche l’avvio del suo terzo mandato rettorale. Una conferma con l’indicazione unanime delle facoltà. Con quale stato d’animo inizia il mandato e soprattutto, l’attuale situazione ha modificato qualche priorità che aveva in mente?

Sono grato ai tanti colleghi che mi hanno dato nuovamente fiducia, avverto il peso della confermata responsabilità e vivo con passione l’opportunità di portare avanti i progetti in corso. Sarà in questo indispensabile sostegno e la collaborazione dei colleghi, dei dirigenti e del personale. Un compito ineludibile, perché sono persuaso che il mondo ha sempre più bisogno del contributo del pensiero cattolico. Le questioni le questioni aperte dagli scenari globali e da progresso scientifico-tecnologico si fanno sempre più urgenti: dall’evoluzione dell’intelligenza artificiale fino all’esigenza di un’economia più attenta alle ricadute sociali e ambientali. Si conferma la volontà di concorrere, in quanto università nata dal cuore della Chiesa e al servizio della Chiesa, a formare persone capaci di vivere, comprendere e governare le novità che ci attendono.

Non meno importante per questo anno “speciale” è l’avvicinarsi dei 100 anni dell’ateneo. Che Università Cattolica si presenta a questo appuntamento?

Un’Università Cattolica fiera della propria tradizione, consapevole di avere contribuito allo sviluppo sociale e culturale del Paese non soltanto per mezzo dell’azione dei numerosi suoi laureati che nei decenni hanno assunto ruoli di responsabilità, ma anche e ancor più grazie alla disseminazione di generazioni di persone culturalmente, professionalmente e moralmente solide; soprattutto un’università decisa a essere all’altezza del futuro: non vogliamo soltanto ricordare la nostra storia, vogliamo inaugurare e preparare il nostro secondo secolo accademico.

Per un’istituzione, in particolare formativa e di ricerca, compiere 100 anni è la tappa di un cammino che continua. Quale Università Cattolica ci dobbiamo aspettare nei prossimi 100 anni? Che cosa resterà delle radici e quali nuovi aspetti metterete in campo?

In questi decenni affascinanti e tumultuosi il nostro Ateneo, pur in costante evoluzione, ha mantenuto fermo l’ancoraggio ai propri valori fondamentali. Questo perenne riferimento gli ha permesso di confrontarsi con le sempre più drastiche e spesso inattese novità restando fedele alla propria missione: essere luogo di testimonianza della verità e formazione delle coscienze. Con l’aiuto e il sostegno dei cattolici italiani, l’avvio del secondo secolo della loro università potrà essere una stagione fondamentale per investire sull’intelligenza e il talento dei giovani.

(Avvenire)

Tag
Share

0 commenti

Nessun commento ancora!

There are no comments at the moment, do you want to add one?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

La tua e-mail non verrà pubblicata.
I campi obbligatori sono segnati *

LEGGI IL NUMERO DI SETTEMBRE 2020!

Iscriviti alla Newsletter!