Rifiuti. Cittadini bloccano Aurelia per NO a discariche e inceneritori a Pizzo del Prete

179

Questa mattina, sabato 17 giugno, più di 200 persone tra cittadini, comitati e agricoltori sono scesi in strada, sulla via Aurelia all’altezza di Torrimpietra, per ribadire il loro no alla costruzione di inceneritori.

Cerveteri e Fiumicino lanciano un forte segnale di mobilitazione contro la decisione della Città Metropolitana di Roma di classificare la zona di Pizzo del Prete, come «area bianca», idonea a ospitare impianti di trattamento dei rifiuti. Il corteo, anche se vietato dalla Questura per motivi di ordine pubblico, ha paralizzato il traffico creando code, sia in direzione Roma che in direzione delle spiagge di Fregene e Maccarese.

Una manifestazione per dire che “Nei nostri comuni non si passa” come ribadisce il comitato Mobastapizzodelprete “vogliamo che nel Lazio si faccia economia circolare dei rifiuti uscendo dalla logica delle discariche e degli inceneritori” e per chiedere che “la Regione Lazio si impegni su un nuovo piano rifiuti basato sulla strategia della riduzione, del riciclo e del recupero delle materie prime, con l’annullamento della cartografia prodotta dalla Città Metropolitana e che si adotti una nuova cartografia con la vincolistica emergente dalle controdeduzioni prodotte dalle Amministrazioni locali”.

Invitato a partecipare alla manifestazione anche il sindaco di Roma Virginia Raggi, alla quale i cittadini chiedono “un segnale politico forte nella direzione della sostenibilità e dell’autosufficienza di Roma senza la compromissione delle campagne”.

 

Alessia Rabbai

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui