LAGONE

Francesca Nori, da Bracciano ad AltaRoma

Francesca Nori, da Bracciano ad AltaRoma
febbraio 15
17:50 2017

Sono Francesca Nori, 22 anni, sono nata e vivo attualmente a Bracciano.
Ho frequentato l’Istituto d’Istruzione Superiore Luca Paciolo di Bracciano, e dopo il diploma, mi sono iscritta all’accademia di Costume e Moda di Roma per il conseguimento del diploma di primo livello in Costume e Moda.

Prossima alla laurea, alla fine dei tre anni a giugno 2016 sono stata selezionata, tramite l’Accademia, da una giuria qualificata per sfilare sulla passerella di Alta Roma. L’idea di questa collezione di accessori, che ho presentato lo scorso 28 Gennaio, 2017 sulla passerella di Alta Roma, in via Guido Reni, 7, intitolata “Fruit Leather”parte dal mio interesse per lo studio delle tecniche di lavorazione artigianale, che da sempre appartiene alle mie radici, essendo proveniente da una famiglia di artigiani e avendo un azienda di famiglia, “la sartoria Cineteatrale, Nori S.n.c, di Nori Marco & C ” frazione Vigna di Valle, specializzata e prima nel mondo nelle uniformi militari.

L’ispirazione da cui sono partita è il mondo tribale, dove attraverso la ricerca sono arrivata a fare sperimentazioni su diversi tipi di materiali tra cui, presente nella mia collezione, una rielaborazione personale della tecnica del tie- day, da me fatta sul velluto è applicata su borse e scarpe.

Ma sopratutto mi sono concentrata, sul concetto di queste tribù, di riutilizzo delle materie obsolelete a disposizione o che la varietà vegetale dell’ambiente offre.

Da qui mi sono chiesta: plastica, carta, legno, alluminio, vetro, pelle… sono materiali sulle quali è stato fatto tanto è ancora di più ma i rifiuti organici? Gli scarti di cibo che ogni giorno passano dalle nostre tavole ai secchi dell’umido, non possono avere nuova vita? Concentrandomi sullo studio di una di questa, da qui il voler realizzare tomaie delle scarpe e borse con inserti di scorza di Ananas, che attraverso un processo di disidratazione, da me sperimentato e attraverso la mutazione del colore naturale, per mezzo dell’impiego di coloranti artificiali, ho potuto applicarle su borse e tomaie, o attuare un processo di resinatura e vetrificazione, che ho utilizzato per i miei bracciali della collezione come pietra gioiello.

Il mio obiettivo è stata è lo è tuttora ricavare materiali innovativi, da scarti organici che possano avere largo impiego nella creazione di accessori moda e che uniscono etica ed estetica, tradizione e innovazione.
Ma anche portare avanti come ho fatto nel mio piccolo, attraverso la riproduzione in gomma di questa scorza per evolvere il mio progetto a lavorazioni ancora più tecnologiche.

Share

0 commenti

Nessun commento ancora!

There are no comments at the moment, do you want to add one?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

La tua e-mail non verrà pubblicata.
I campi obbligatori sono segnati *

LEGGI QUI IL NUMERO DI SETTEMBRE 2017!

Iscriviti alla Newsletter!