Bracciano Ambiente: “Nessun danno erariale riconducibile alla gestione della società”

L’amministratore delegato della Bracciano Ambiente Marcello Marchesi questa mattina ha replicato fermamente alla notizia, diffusasi nella giornata di ieri, secondo cui sarebbero stati “accertati dalla Finanza danni alle casse dello Stato per 4,7 milioni di euro riconducibili alla gestione della discarica di Cupinoro da parte della Bracciano Ambiente Spa”.

Nel comunicato stampa (che riportiamo in basso integralmente) a firma dell’amministratore delegato della BA, si precisa che “è del tutto falso e diffamatorio affermare che sia stato dalla Corte dei Conti, o dalla Guardia di Finanza, ipotizzato un danno erariale riconducibile alla gestione della Bracciano Ambiente; è del tutto falso e diffamatorio affermare che la ‘scoperta del danno erariale consegue ad accertamenti disposti dalla Procura Regionale della Corte dei Conti tesi a verificare la gestione della Braccino Ambiente spa’; è vero, al contrario, che l’indagine contabile è rivolta nei confronti dei Comuni conferitori di rifiuti presso la discarica di Cupinoro, i quali avrebbero pagato parzialmente o in ritardo le fatture emesse da Bracciano Ambiente…”.

Leggi il comunicato stampa integrale della Bracciano Ambiente

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui