17 Giugno, 2024
spot_imgspot_img

La top ten dei rincari rispetto al periodo pre-crisi

L’Unione Nazionale Consumatori ha elaborato i dati Istat dell’inflazione di maggio resi noti ieri per stilare non solo la tradizionale top ten dei rincari mensili e annui, ma anche la classifica dei maggiori rincari rispetto al periodo pre-crisi, ossia rispetto a metà 2021, prima che l’inflazione iniziasse a decollare.

In questi anni, in testa ai rialzi tendenziali si sono alternati svariati prodotti. L’olio di oliva ad esempio è in testa ininterrottamente agli aumenti annui da settembre 2023 ad oggi, ma prima, da aprile 2023 ad agosto 2023, è stata la volta dello zucchero, prima ancora si sono stati i voli nazionali, l’energia elettrica del mercato libero e così via.

Ma quali di questi tanti prodotti, dopo vari saliscendi, vince la classifica di questi 3 anni di incrementi astronomici?

In testa (Tabella n. 1) i Voli internazionali che rispetto a maggio del 2021 decollano del 132,3%. Medaglia d’argento per l’Olio di Oliva che in 3 anni è quasi raddoppiato di prezzo, +93,5%. Sul gradino più basso del podio i Voli nazionali con +55,1%.

Al quarto posto lo Zucchero, +51,6%, poi il Gas (+50,2%), il Riso (+45,1%), al settimo posto le Patate (+43,3%), poi Alberghi motel e pensioni (+41,5%), Energia elettrica (+39,5%): Chiudono la top ten i Gelati con +37,8%:

Si segnalano poi la Margarina (11°, +37,6%), i Pacchetti vacanza nazionali (12°, +36,9%), il Latte conservato (14°, +34,1%), il Burro (16°, +33,6%), la Pasta (22°, +27,3%). Chiudono la classifica Farina (29°, +24,6%), Uova e Pane (30°, entrambi a +24,5%).

“Questo studio ci dimostra che, anche se ora l’inflazione è bassa, a maggio +0,8%, e alcuni prodotti sono spariti da mesi dai radar degli aumenti o addirittura stanno diminuendo di prezzo, come ad esempio la pasta, i loro prezzi sono ancora insostenibili. Nonostante da mesi non si parli più di pane, uova e farina, i loro rincari, rispetto ai tempi normali, sono di circa il 25 per cento. Il gas e l’energia elettrica, ben distanti dai picchi del quarto trimestre 2022, costano ancora, rispettivamente, il 50,2 e il 39,5% in più rispetto al prezzo che si pagava prima delle speculazioni” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori

Per quanto riguarda, invece, la tradizionale top ten annua (tabella n. 2), al primo posto sempre l’Olio di oliva con un incremento del 44,9% su maggio 2023. Al 2° posto i Pacchetti vacanza nazionali con +20,4%, un dato che certo non fa ben sperare per le prossime vacanze estive. Medaglia di bronzo per i Supporti con registrazioni di suoni, immagini e video con +15,8%.

Chiudono la top ten Alberghi, motel, pensioni e simili che costano il 7,8% in più rispetto alla scorsa Primavera.

In testa alla top ten mensile (tabella n. 3), la Frutta fresca che in appena un mese aumenta del 6,2%. Medaglia d’argento per Servizi di rilegatura testi e E-book download con +5,9%. Al 3° posto Alberghi, motel, pensioni e simili con +5,3% rispetto ad aprile 2024

Tabella n. 1: Top 30 dei rincari da maggio 2021 a maggio 2024

N  Prodotto Rincari

maggio 2024 /maggio 2021  

1 Voli internazionali 132,3
2 Olio di oliva 93,5
3 Voli nazionali 55,1
4 Zucchero 51,6
5 Gas naturale e gas di città 50,2
6 Riso 45,1
7 Patate 43,3
8 Alberghi, motel, pensioni e simili 41,5
9 Energia elettrica 39,5
10 Gelati 37,8
11 Margarina e altri grassi vegetali 37,6
12 Pacchetti vacanza – nazionali 36,9
13 Autocaravan, caravan e rimorchi 34,7
14 Latte conservato 34,1
15 Beni durevoli per ricreazione all’aperto 34,0
16 Burro 33,6
17 Succhi di frutta e verdura 29,8
18 Apparecchi fotografici e cinematografici e strumenti ottici 29,7
19 Vegetali surgelati diversi da patate e altri tuberi 28,6
20 Gasolio per riscaldamento 28,5
21 Altri beni durevoli per ricreazione e cultura 27,8
22 Pasta 27,3
23 Vegetali freschi o refrigerati diversi da patate e altri tuberi 26,6
24 Patatine fritte 26,2
25 Bibite analcoliche 25,8
26 Birre a basso contenuto di alcol e non alcoliche 25,6
27 Acque minerali, bevande analcoliche, succhi di frutta e verdura 25,3
28 Gioielleria 25,2
29 Farina 24,6
30 Uova 24,5
30 Pane 24,5

Fonte: Unione Nazionale Consumatori su dati Istat

Tabella n. 2: Top 10 rincari tendenziali di maggio 2024 (da maggio 2023 a maggio 2024)

N  Prodotto Rincari annui di maggio
1 Olio di oliva 44,9
2 Pacchetti vacanza – nazionali 20,4
3 Supporti con registrazioni di suoni, immagini e video 15,8
4 Servizi di rilegatura testi e E-book download 12,1
5 Patate 10,2
6 Assicurazione connessa all’abitazione 9,9
7 Gioielleria 8,6
8 Servizi ricreativi e sportivi – presenza 8,4
9 Trasporto ferroviario passeggeri 8,1
9 Servizi di alloggio in altre strutture 8,1
10 Alberghi, motel, pensioni e simili 7,8

Fonte: Unione Nazionale Consumatori su dati Istat

Tabella n. 3: Top 10 dei rincari mensili di maggio 2024

N  Prodotto Rincari mensili di maggio    
1 Frutta fresca 6,2
2 Servizi di rilegatura testi e E-book download 5,9
3 Alberghi, motel, pensioni e simili 5,3
4 Altri piccoli apparecchi elettrici per la casa 3,4
5 Villaggi vacanze, campeggi, ostelli della gioventù e simili 3,0
6 Narrativa 2,6
7 Apparecchi per la pulizia della casa 2,4
7 Trasporto ferroviario passeggeri 2,4
8 Trasporto marittimo 2,2
9 Patate 1,7
10 Affitto garage, posti auto e noleggio mezzi di trasporto 1,5
10 Assicurazione connessa all’abitazione 1,5

Fonte: Unione Nazionale Consumatori su dati Istat

Ultimi articoli