24 Luglio, 2024
spot_imgspot_img

Naturaset, dopo i “ciak si gira” arrivano i premi per i vincitori

Il progetto “Naturaset” guarda dritto alla giornata finale in cui verranno premiati i vincitori e proiettati sul grande schermo, al cinema Palma, a metà maggio, i lavori audiovisivi degli studenti del “San Francesco” di Anguillara Sabazia e del “San Silvestro” di Trevignano Romano.

Nell’ambito della “Strategia Gens”, per la realizzazione di progetti di educazione ambientale nei parchi – promossa e finanziata dalla Regione Lazio – l’Ente parco di Bracciano Martignano ha affidato all’Associazione “L’agone nuovo” la realizzazione del progetto “Naturaset”. Diversi gli appuntamenti che hanno visto coinvolti gli studenti: una visita alla Caldara di Manziana – il 9 aprile – nella quale Giancarlo Morgana, ricercatore dell’Enea, ha spiegato innumerevoli questioni scientifiche riguardanti l’ambiente (finalizzate alla costruzione degli elaborati); altre giornate di sviluppo dei progetti con il supporto di professori e, il 18 aprile, la giornata che ha visto mettere in scena le sceneggiature dei giovani partecipanti – protagonisti a 360° – che hanno recitato, preparato i costumi, battuto il ciak, sperimentando l’emozione del set cinematografico, sotto la guida esperta di Claudio Zamarion, direttore della fotografia e produttore cinematografico di “Angelika Vision”. Il filo conduttore? La tematica “ambiente”, con specificità del nostro territorio lacustre.

«Gli studenti – ha spiegato Josè Giancarlo Morgana – hanno mostrato di avere una grande sensibilità in relazione ai problemi di carattere ambientale. Erano pertanto consapevoli e interessati a varie tematiche legate alla salvaguardia dell’ambiente, in particolare in relazione alla problematica dei rifiuti, e molto sensibili alla conservazione della biodiversità nel territorio, tenendo conto per esempio di alcuni aspetti, quali la presenza di specie aliene. A mio parere, il progetto li ha resi maggiormente consapevoli sia della grande ricchezza naturalistica presente del territorio, ad esempio in relazione alla visita alla Caldara di Manziana, sia della necessità di proteggere l’ambiente e la sua biodiversità».

«La nostra associazione – racconta invece Giovanni Furgiuele, presidente de L’agone nuovo – è da sempre attenta al mondo della scuola. Tanti sono stati i progetti di supporto alla didattica portati avanti presso le scuole del nostro territorio nel corso degli anni. L’agone Nuovo è convinto che questo progetto sia un’occasione per un avvicinamento tra il mondo della scuola e il mondo del lavoro e per la diffusione di pratiche didattiche innovative, centrate sull’attività laboratoriale e la formazione delle competenze. Siamo convinti dell’importanza dell’impegno sociale e della testimonianza dei valori civili, questi alla base della nostra Associazione. Le modalità di azione non le abbiamo mai date per scontate. L’obiettivo del ragionamento al progetto “Naturaset” è semplicemente quello di riportare ai nostri studenti il senso di responsabilità e la discussione che costantemente anima la nostra Associazione. Un’occasione importante per migliorarci insieme».

L’agone nuovo fa un ringraziamento sentito alle scuole, alle insegnanti, agli studenti e a tutti coloro che a vario titolo hanno partecipato.

Marzia Onorato

Ultimi articoli