25 Giugno, 2024
spot_imgspot_img

Bonifica rifiuti al Parco Naturale Regionale Bracciano-Martignano

Grande partecipazione e soddisfazione per il supporto ai volontari: il servizio Guardiaparco del Parco Naturale Regionale Bracciano-Martignano ha collaborato al servizio di bonifica rifiuti nell’area del lago di Martignano ad Anguillara Sabazia (Roma) nell’ambito dell’iniziativa di volontariato organizzata e promossa dal Nauticlub Martignano, i Volontari Fidelia, Salvaguardiamo Bracciano e i Volontari dei due Laghi che da diversi anni operano nella zona anguillarese.
La raccolta rifiuti è stata effettuata anche con l’ausilio di canoe del Nauticlub Martignano oltre che di mezzi messi a disposizione dall’ente Parco, con la partecipazione del Comune di Anguillara Sabazia per lo smaltimento di rifiuti.
L’ente di gestione dell’area naturale protetta ricorda che l’abbandono di rifiuti costituisce un reato ed è punibile attraverso l’elevazione di una sanzione amministrativa nei confronti dei responsabili. Ma non solo.
Perché come è noto, recentemente l’art. 6 ter del d.l. n. 105/2023 convertito con l. 9 ottobre 2023, n. 137, ha modificato l’art. 255, comma 1, d.lgs. n. 152/06 (TUA) sostituendo, per l’abbandono di rifiuti nell’ambiente (art. 192 TUA), la sanzione amministrativa da 300 a 3.000 euro con l’ammenda da 1000 a 10.000 euro (pena raddoppiata se si tratta di rifiuti pericolosi).
E pertanto, adesso, l’abbandono ed il deposito incontrollato di rifiuti è punito sempre come reato contravvenzionale: di regola con la sola ammenda sopra richiamata, ma, se si tratta di titolari di imprese o responsabili di enti con l’arresto da tre mesi a un anno o con l’ammenda da duemilaseicento euro a ventiseimila euro (art. 256, comma 2, cui rinvia l’art. 255, comma 1).

Ultimi articoli