26 Maggio, 2024
spot_imgspot_img

A proposito della Giornata della Memoria

Sono trascorsi settantotto anni da quel 27 gennaio del 1945 quando le truppe dell’Armata Rossa, impegnate nella offensiva Vistola-Oder in direzione della Germania, liberarono il campo di concentramento di Auschwitz, nel quale migliaia di ebrei erano stati deportati con la forza da alcuni paesi europei. Il giorno della Memoria, come ogni anno, viene ricordato dalle istituzioni, dai mass media e soprattutto nelle scuole, affinché il meditate che questo è stato, per citare Primo Levi, non sia solo spunto di riflessione ma un monito da scolpire in ogni coscienza umana. Nel XV Municipio di Roma, l’Assessorato alle Politiche Scolastiche e Culturali, come lo scorso anno, ha rilanciato l’invito rivolto alle scuole del territorio a partecipare all’evento apponendo sulle finestre e nei cortili delle scuole installazioni artistiche a tema su cartelloni o lenzuoli realizzati dagli studenti. L’iniziativa nasce dalla convinzione che la memoria e il ricordo possano essere tramandati proprio a partire da questi ultimi, i giovani concittadini e le comunità scolastiche di cui fanno parte.

Nelle scuole la giornata è stata dedicata anche alla visione di film sul genere, al dibattito e ove possibile all’incontro con testimoni e sopravvissuti all’Olocausto.
Francesca Quarantini

Ultimi articoli