Arrestato in Spagna il boss della Banda della Marranella Giuseppe Refrigeri, deve scontare 7 anni

156

Latitante, è ricercato dal 2020, quando la direzione distrettuale Antimafia di Roma ha sgominato un’associazione a delinquere transnazionale che importava nella Capitale chili di cocaina

Per anni ha fatto parte di un’associazione capace di importare fiumi di cocaina nella Capitale. E quando nel giugno 2020 ha sentito il fiato degli inquirenti sul collo è scappato facendo perdere le sue tracce. Fino a ieri, quando i carabinieri di Roma hanno arrestato Giuseppe Refrigeri, latitante e già al vertice della storica “Banda della Marranella”.

Era in Spagna, indaffarato nelle attività di sempre: il traffico di droga. Refrigeri, arrestato in passato anche dal Gico della Finanza, è ricercato dal 2020, quando la Direzione Distrettuale Antimafia di Roma ha sgominato un’associazione a delinquere transnazionale in grado di importare nella Capitale chili e chili di cocaina.

In quell’occasione erano state emesse 9 ordinanze di custodia cautelare, di cui 3 in Spagna, a Malaga. Refrigeri però era scomparso nel nulla. Adesso è stato arrestato grazie alla collaborazione tra i Carabinieri del Nucleo Investigativo di  Ostia e il servizio di Cooperazione Internazionale di Polizia.

Secondo il Tribunale di Roma deve scontare 6 anni e 11 mesi in carcere. Le indagini, nate nel 2018, rivelano che l’indagato avrebbe anche cercato di importare 325 chili di hashish, un tentativo non andato a buon fine: i corrieri sono stati arrestati in Francia.

Già dal maggio dello scorso anno gli inquirenti hanno stretto il cerchio intorno al ricercato. E dopo l’emissione del “mandato d’arresto europeo”  per traffico internazionale di sostanze stupefacenti e possesso di documenti falsi, l’indagine è entrata nel vivo. Intercettazioni e pedinamenti hanno permesso ai carabinieri di Ostia di rintracciare Refrigeri nonostante i numerosi documenti falsi utilizzati dall’indagato.

Adesso la cattura, in attesa che le procedure burocratiche di rito consentano la sua estradizione in Italia, dove lo attende il carcere.

(La Repubblica)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui