LAGONE

LADISPOLI, BOTTI DI CAPODANNO,  L’APPELLO DEL SINDACO GRANDO

LADISPOLI, BOTTI DI CAPODANNO,  L’APPELLO DEL SINDACO GRANDO
dicembre 29
15:26 2018

“Ritengo che ricorrere ai soli strumenti coercitivi sia insufficiente ed inadeguato per cui mi appello al senso di responsabilità di tutti”.

Così il sindaco Alessandro Grando ha commentato l’ordinanza che, ad eccezione della fascia oraria compresa tra le 23:45 del 31 dicembre 2018 e le 00:15 del 1° gennaio 2019, vieta l’accensione ed il lancio di fuochi d’artificio, lo sparo di petardi, lo scoppio di bombolette e mortaretti ed il lancio di razzi.

“Comprendo la voglia di festeggiare il nuovo anno – ha proseguito Grando – ma ciascuno di noi deve essere pienamente consapevole che lo si può fare anche in maniera diversa e senza mettere a repentaglio la propria sicurezza e quella delle altre persone. In questo momento di festa il nostro pensiero deve andare anche alle persone più deboli come i bambini piccoli, gli anziani e le persone affette da patologie e agli effetti negativi che possono causare su di essi i botti di Capodanno”.

“Non dimentichiamo – ha concluso Grando – poi gli animali, che accusano in maniera ancora più accentuata i forti rumori e che rischiano di rimanere feriti, o peggio di morire, nel tentativo di fuggire dal pericolo percepito. Con l’auspicio che questo appello venga recepito e che i festeggiamenti per l’arrivo del 2019 siano solo un momento di festa, auguro buon anno nuovo a tutti i cittadini di Ladispoli”.

Share

1 commento

  1. Ladispolano DOC
    Ladispolano DOC dicembre 30, 03:14

    Giusto la pericolosità insita dei fuochi utilizzati da inesperti (feriti, incendi) ma parlare di inquinamento acustico solo per mezz’ora…? Allora tutto il resto dell’anno con le marmitte dei motorini, la musica ad alti volume dei bar fino a tardissima notte?
    Probabilmente sarà stata applicata la “teoria dei popoli fuochisti” di Pazzagliana memoria dall’episodio “32 Dicembre” di Luciano De Crescenzo
    https://www.youtube.com/watch?v=FKZBFZzmI8w

    Rispondi a questo commento

Scrivi un commento

La tua e-mail non verrà pubblicata.
I campi obbligatori sono segnati *

LEGGI IL NUMERO DI DICEMBRE 2018!

Iscriviti alla Newsletter!