Daniele Torquati, capogruppo Pd Municipio XV: “da M5S una proposta medievale”

215

Riceviamo e pubblichiamo: 

“La proposta di modifica dello Statuto di Roma Capitale che mette in discussione la parità di genere nella Giunta Capitolina e nelle Giunte Municipali non è solo un passo indietro rispetto alla Legge 215/2012 che modifica in meglio addirittura il Tuel chiedendo agli enti locali di garantire (non più promuovere) pari opportunità, ma è anche un passo indietro culturale che intende coprire lacune evidenti.

Non è infatti un segreto che nelle Giunte dei Municipi XV, XIV e VII la parità non sia garantita, come è chiaro a tutti che anche le mancate nomine nella Giunta Comunale dipendano dal fatto che non riescono come maggioranza a garantire la presenza di donne e uomini in pari numero. Ed è un peccato perché lo Statuto di Roma Capitale è quanto di più avanzato in termini di pari opportunità. Gli art. 25 e 27, attualmente in vigore, impongono a Sindaco e Presidenti la grande sfida culturale della parità anche nel numero, ma sono anche il riconoscimento del prezioso ruolo che le donne possone e devono svolgere nella Politica.

La visione di genere è infatti quanto di più innovativo la Politica abbia regalato alla nostra organizzazione di Governo della città e agli enti locali tutti. La Sindaca richiami la sua maggioranza su questa proposta e non passi alla storia come la prima Sindaca donna che scoraggia e non tutela la presenza delle donne nelle Istituzioni. Non si torni al Medioevo per coprire le proprie lacune, ma anzi si sostenga lo Statuto di Roma Capitale e si aiuti la maggioranza a capire perché ne deve essere orgogliosa piuttosto che preoccupata”.

Così in una nota Daniele Torquati, capogruppo Pd Municipio XV

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui