28 Maggio, 2024
spot_imgspot_img

Bruno Bozzetto ritorna a ritmo di musica classica, con caustica ironia

Il maestro Bruno Bozzetto torna sugli schermi e nuovamente si interroga sulla natura dell’uomo, questa volta la domanda di base è la seguente: è davvero sapiente l’Homo Sapiens?

Sapiens?,  l’opera originale di Bruno Bozzetto prodotta da Studio Bozzetto in collaborazione con Rai Kids, è andata in onda in prima visione oggi alle 16.15 su Rai 3 e la troviamo disponibile su RaiPlay. Sapiens? è composta da tre cortometraggi sulle sinfonie di Verdi, Chopin e Beethoven, un audiovisivo di animazione dal ritmo incalzante dedicato all’uomo e al suo comportamento nei confronti della natura e della società; Bozzetto tratta temi diversi che hanno in comune la violenza, la prevaricazione dell’essere umano e il rifiuto del diverso.

«Da anni coltivo una amara consapevolezza. L’essere umano si diverte a fare le guerre (e si diverte tantissimo) con un sasso, una freccia, un fucile, per un pezzo di terra, un pozzo di petrolio o anche solo per un parcheggio, l’uomo ha sempre l’impulso di trasformare il confronto in conflitto. Passando dalle parole ai fatti, dai fatti ai colpi, dai colpi alle macerie. La tragica parabola discendente di un bipede che volle diventare il re più potente del niente».

Queste le parole di Bruno Bozzetto nell’incipit del suo primo cartoon, accompagnato dalle note melodrammatiche de Un Giorno di Regno, Overture di Giuseppe Verdi, una amara e ironica esibizione di tutti i mezzi di distruzione che l’uomo ha inventato per affrontare le innumerevoli guerre.

 

Il secondo tema, introdotto sempre dalla voce narrante del disegnatore comincia sulla musica di Fryderyk Chopin Études, Op.10 n°3 e tratta le imprese di un ragnetto che cerca disperatamente di uscire da un lavandino in cui è inavvertitamente caduto. Una donna, terrorizzata dal piccolo aracnide, chiama in aiuto il marito per ucciderlo senza pietà, ma nonostante diversi tentativi, anche violenti e grotteschi, il ragno riesce a riguadagnare la sua libertà e il suo diritto di vivere. L’ultimo racconto, accompagnato dall’ouverture Coriolano op.62 di Ludvig Van Beethoven, narra lo sterminio di molte specie animali, compiuto per mano dell’uomo dalla sua comparsa sulla terra sino a oggi, momento in cui moltissime specie sono in via di estinzione, introdotto così dal creatore: «Io amo gli animali, tutti gli animali. Sono, da sempre, i nostri compagni di viaggio più importanti, esseri che pensano, amano, si emozionano e che possiedono doti straordinarie, noi umani però – all’inizio per sopravvivenza e poi chi lo sa perché – abbiamo deciso di sterminarli senza pietà. Alcuni la chiamano tradizione, alcuni alimentazione, io la chiamo follia visto che non riesco a chiamarla diversamente, mi guardo intorno e non capisco. Il motivo è che forse non c’è niente da capire difronte a questa terribile strage».

La soluzione esiste? Quale potrebbe essere per Bruno Bozzetto?

Marzia Onorato

redattrice L’agone

Ultimi articoli