21 Maggio, 2024
spot_imgspot_img

Disagi e pericoli nella raccolta dei rifiuti nel XV Municipio, lo denuncia Italia dei Diritti

Il movimento Italia dei Diritti presieduto dal giornalista romano Antonello De Pierro torna a occuparsi del XV Municipio di Roma in merito a una segnalazione pervenuta ai nostri responsabili in loco da parte di alcuni residenti della zona:” Abbiamo ricevuto le lamentele da parte di alcuni residenti di via Gallese e strade limitrofe – ci dice il Segretario Provinciale IdD Carlo Spinelli – per via di alcuni cassonetti per la raccolta dei rifiuti che sono stati posizionati all’interno della via stessa che risulta essere senza uscita. Questo comporta vari problemi ai residenti dovuti al fatto che il camion per la raccolta dei rifiuti, durante le operazioni di carico, intralcia il traffico veicolare e i residenti della via sono costretti ad attendere che le operazioni stesse vengono portate a termine dagli operatori prima di poter avere la strada libera per il passaggio. Dato lo stato in cui spesso versano i cassonetti, le operazioni da parte degli addetti alla nettezza urbana possono durare anche 15/20 minuti creando notevole disagio. Non solo ma terminata la raccolta, il mezzo della nettezza urbana è costretto a percorrere circa 200 metri in retromarcia, manovra che risulta anche essere pericolosa come testimoniano alcuni fatti di cronaca che parlano di investimenti, anche mortali, di mezzi in retromarcia. Quello che chiediamo – continua ancora Spinelli – è che i cassonetti vengano portati all’esterno della strada dove erano posizionati in precedenza e laddove non causano disagi ai cittadini e non si vengano a creare pericoli per l’incolumità delle persone. Tra l’altro nei pressi di dove i cassonetti attualmente stazionano, c’è una scuola ed è sicuramente poco edificante la situazione che si crea visto che i rifiuti non tutti i giorni vengono ritirati arrivando a strabordare dai cassonetti stessi. Sarà nostra premura – conclude Spinelli – attivarsi segnalando il problema agli organi competenti affinché lo stesso venga risolto”.

Ultimi articoli