15 Aprile, 2024
spot_imgspot_img

Italia dei Diritti, la grande monnezza è la Roma che non vogliamo

Ancora il XV Municipio di Roma Capitale risulta essere protagonista delle denunce del movimento presieduto dal giornalista romano Antonello De Pierro. Katia Simeoni neo vice responsabile per l’IdD del Municipio XV ci porta in corso Francia dove segnala sporcizia presente su vari tratti della via:” Purtroppo su questa strada molto trafficata, l’immagine che la Capitale da a chi la percorre è di una città sporca, degradata e trascurata. Certo non è una novità per la capitale d’Italia, ma dispiace per chi vive a Roma e ci terrebbe che si parlasse della propria città solo in positivo, che  venga invece riconosciuta in tutto il mondo anche per la sporcizia. Si possono notare rifiuti nei pressi di fermate dell’autobus, davanti a un benzinaio mentre a un incrocio è stato cambiato un semaforo e quello dismesso è rimasto in terra ad arredare la strada. Mi chiedo – chiude la  Simeoni – ma perché non puliscono!”. Carlo Spinelli Segretario Provinciale romano e responsabile nazionale per la Politica Interna del movimento interviene sulla segnalazione di Katia Simeoni:” Plaudo all’ impegno che Katia, appena nominata vice responsabile IdD per il XV Municipio, sta mettendo nello scovare situazioni di degrado che insistono sulla Capitale. Corso Francia è una strada molto trafficata ed è quindi sotto gli occhi di centinaia di persone il suo stato di manutenzione. Vedere per terra così tanti rifiuti, opera comunque dell’inciviltà delle persone, come dice Katia per chi vive a Roma e ci tiene alla propria città, è come una pugnalata nel petto inferta purtroppo da chi questa Città la dovrebbe tenere come un oracolo e invece la trascura sempre più o almeno questa è l’impressione. Come Italia dei Diritti, grazie ai nostri responsabili territoriali e ai consiglieri ombra, figura quella del consigliere ombra che abbiamo creato già da tempo, stiamo dando voce ai cittadini insoddisfatti di come questa città viene amministrata monitorandola costantemente cercando di stimolare chi di competenza a metterci un po più di impegno nel risolvere le varie problematiche che riusciamo a portare alla luce e devo dire, che parecchie situazioni da noi denunciate, sono state risolte. Noi continuiamo nel nostro lavoro – conclude Spinelli – affinché Roma torni a essere la Grande Bellezza e abbandoni il brutto appellativo di grande monnezza”.

Ultimi articoli