4 Marzo, 2024
spot_imgspot_img

Al Museo dei Bambini di Roma la presentazione del libro “La prima Vespa non si scorda mai”

È un  libro attualissimo, dedicato alla Vespa “icona lifestyle, brand il cui valore in costante crescita è stato valutato da Interbrand oltre un miliardo di euro”.
In esso sono raccolte tante e diverse storie di vita vissuta con la Vespa: grandi viaggiatori, collezionisti, artisti scrittori, attori, piloti e persone “comuni”.
Avreste mai pensato che il campione di motomondiale Loris Capirossi conservasse con cura la sua oggi restauratissima prima Vespa 50? O che Andrea Delsoldato si sarebbe licenziato da una multinazionale per andare da Parma in Bangladesh per conoscere la bambina adottata a distanza? O ancora che Luca Capocchiano avrebbe dato le dimissioni dalla Ferrari dove era ingegnere per fare il giro del mondo a 80 all’ora, in Vespa naturalmente?

Sono alcuni dei protagonisti del mio libro insieme al figlio di Audrey Hepburn Sean Hepburn Ferrer;  l’artista Marco Lodola; grandi viaggiatori come Edi Fadelli le cui Vespa sono esposte al Museo Piaggio; Ilario Lavarra che ha appena attraversato il 100esimo Paese; Simone Sciutteri che con la sua Vespa 50, ha conquistato il Guinness dei Primati; Fabio Cofferati che ha emulato il viaggio di Patrignani (Italia-Giappone) fermandosi a soli 43 chilometri dall’arrivo causa restrizioni da Covid; Alessio Boni che ha interpretato Enrico Piaggio; la cantante Nina Zilli; e anche l’autrice (che negli anni ’80 lavorò all’ufficio pubblicità della Piaggio).

Il libro ha la prefazione del Presidente VespaClub d’Italia Roberto Leardi e del presidente della Fondazione Piaggio Riccardo Costagliola che lo ha definito “un meraviglioso affresco”.

In copertina lo storico manifesto pubblicitario dell’elefantino sulla Vespa che mio padre disegnò negli anni ’60.

Il libro è polisensoriale: scaricando la APP Vesepia e inquadrando VCode i VCode presenti nel libro si scoprono le gallerie fotografiche e i video che fanno da corollario ad ogni storia.

Un libro che tutti, non solo i Vespisti, ameranno, perché la Vespa fa parte della storia del nostro Paese e in quasi ogni famiglia almeno un componente l’ha guidata o continua a guidarla

Paolascarsi 347 3802307

I PROTAGONISTI

Marcella Alosi: Sulla Vespa il mio primo bacio, quello vero;

Maria Concetta Ancora: A 15 anni la Vespa mi faceva sentire libera;

Monia Badalamenti : Quando a 16 anni guidavo la mia Vespa 50 PK bianca tutta la mia timidezza spariva;

Paolo Balboni : Collezionista e artista, ha ricoperto la sua PX 125 a puntine con fotografie di particolari dei Murales del Muro di Berlino;

Rita Serena Bartezzati : Quelle estati sul Lago di Garda… il rumore dell’accensione e del motore della Vespa è per me, ancora oggi, sinonimo di libertà e avventura;

Silvano Bertaina : I miei genitori in gita al Sestriere in Vespa negli anni ’60;

Fabio Bianchi : L’adolescenziale girovagare in Vespa è stato occasione di stimolo e arricchimento del mio bagaglio esperienziale, emozionale e di conoscenza;

Eugenio Blasetti: Il collezionista esteta che rimpiange quel rumore tantan tanta tantan tipico dei primi modelli della Vespa;

Alessio Boni : Il protagonista del film per la tv “Enrico Piaggio – Un sogno italiano” e la sua Special Azzurra metallizzata: “Ero timido, ma in Vespa mi sentivo grande e padrone del mondo”;

Valerio Boni : 940,118 km percorsi in 24 ore no-stop con una Vespa 50;

Giorgio Càeran : La tecnologia ha cambiato il mondo… e anche i viaggi in Vespa. Negli anni Settanta feci un viaggio in Vespa verso l’India: qual è la differenza con oggi?;

Mauro CalcinottoCarlo Pizzi e Tullio Alessandro Ponti : Tre amici da Solaro (Mi) a Capo Nord e ritorno;

Loris Capirossi : La Vespa ha fatto parte di tutta la mia adolescenza; oggi ho una “Vespa da cross”;

Luca Capocchiano : Da Genova a Genova, il giro del mondo a 80 all’ora;

Pippo Cappellano e Marina Cappabianca : Nel nostro documentario “Forever Vespa – Storia di un mito italiano” il ritrovamento archeologico di una Vespa preistorica;

Luciano Celi: Da Torino a (quasi) Massa Carrara sotto il diluvio e un insegnamento: a volte per portare a termine un progetto bisogna dividerlo in due e avere solo un po’ di pazienza in più;

Anna Chigi: Avevo 16 anni e la mia Vespa era fichissima;

Maria Anna Chimenti : Se in veranda il trait d’union è la Vespa…;

Claudio Cicchetti : La scocca portante, evoluzione architettonica e produttiva delle due ruote, un vero salto di specie che ha introdotto la terza dimensione;

Fabio Cofferati : Ho distrutto la prima Vespa con una mazzetta da muratore (avevo forse 5 anni) poi sono diventato un grande viaggiatore;

Loredana Cornero: “Mamma, sono io, non ti preoccupare, sto bene” “Forza mi dia il telefono…Signora mi sente? Sono il poliziotto di guardia al Pronto soccorso, sua figlia è qui ha avuto un incidente, sì con la Vespa..”;

Andrea Costa: Dalla passione per la Vespa, per la grafica e la fotografia sono nate le sue “Vespette”, opere d’arte con i tratti della Pop Art;

Dario Della Vecchia: La memoria storica Vespistica di Ischia, dove le Vespa hanno fatto storia;

Andrea Delsoldato: Da Parma al Bangladesh per conoscere Kakuli, la bambina adottata a distanza;

Filippo Di Stefano : Pioniere del Vespismo in Calabria, vincitore di innumerevoli trofei, guida la Vespa dal 1948 e non ha ancora smesso;

Roberto Donati : Appassionato responsabile dello Sviluppo Culturale e Storico del Vespa Club d’Italia ha creato la mostra Vespare;

Luca Faccioli : 1600 chilometri in un giorno – da Bologna a Barletta e ritorno – per comprare una Vespa 125 TS rosso Kathmandu che caricò nel bagagliaio;

Edi Fanelli: Il sale di un viaggio è scoprire come i nativi vivono, le loro abitudini, passioni, usi e costumi. Come la vita, anche il viaggio è un saliscendi e un continuo divenire di curve;

Gabriele Ferraresi : Quante volte, ben prima dei fatidici 14 anni, ho rubato la Vespa di papà per andarmene da solo a zonzo… Perché guidare una Vespa mette in uno stato d’animo speciale;

Maria Rosaria Fortini : La prima volta che un amico mi diede un passaggio sulla sua  Vespetta 50 mi sentii come sospesa: avevo l’impressione che le due ruote non toccassero terra;

Lorenzo Franchini : Tra i massimi esperti di letteratura Vespistica. La Vespa ispira chi viaggia con lei e ci si può trovare a viaggiare in Vespa anche sulle pagine di un libro;

Luigi Frisinghelli: Presidente e conservatore del Registro Storico Vespa, ha 86 anni e da più di 70 va in Vespa;

Andrea Gentili : La prima Vespa che non si scorda mai… è quella che vidi a 3 anni nelle vetrine del concessionario Piaggio di corso Sempione angolovia Filelfo a Milano;

Sean Hepburn Ferrer : Mia mamma oggi sarebbe la Regina di Instagram: Vacanze Romane è stata prima grande campagna di product placement della storia;

Ilario Lavarra : 82.000 chilometri intorno al continente americano, solo, in totale libertà con una Vespa Sprint Veloce del 1970;

Giulia Lazzaretti : Il viaggio di nozze in Vespa di sua mamma Mila Sgarbi, o meglio il “loro” viaggio di nozze perché lei era già nata e partì insieme a papà e mamma;

Francesco Ledda : La mia prima Vespa già si chiamava Marta. Anche mia figlia si chiama Marta: e il legame tra loro è strettissimo;

Eugenio Leone : Pontedera “Città dei motori” e Vespa;

Maria Cristina Locori: Durante un campo scuola, sulla Vespa aragosta di Francesco, inseguimmo il sole per non farlo tramontare;

Marco Lodola : L’artista che crea le “Vespa che non volano”

Gian Marco Lupi : Due Vespa 50, un padre e un figlio “special” da Gorizia a Roma e ritorno

Denys Maiorino : L’appassionato Boss delle Vespe: restauri e restyling per lui non hanno segreti

Elena Manigrasso: Il viaggio in Vespa dal Cadore alla Puglia di due cari amici di famiglia, Vittoria e Mirko, con la loro cagnetta Lucky;

Pietro Mariotti : La mia “Vespa therapy” durante la cura;

Franco Mazzotta : Il viaggio in Vespa di suo padre: nel 1955 da Merano alla Calabria;

Stefano Medvedich : 19mila chilometri in Vespa: da Gallipoli a Dar-es-Salaam il suo lunghissimo viaggio attraverso 19 Stati africani;

Massimiliano Morelli: Roberta, bionda con gli occhi azzurri, sulla sua Vespa bianca, pareva un’amazzone. Una volta mi invitò a fare un giro e fu per me un indimenticabile momento nel tramonto dell’adolescenza;

Francesco Muroni : Un Vespista talmente affezionato alla sua Vespa da averne festeggiato i 40 anni dall’immatricolazione al Museo Piaggio di Pontedera;

Claudio Musumeci : Nato nel 1942 a Catania, tra i più affermati e longevi partecipanti a gare e gimcane vespistiche, è salito in Vespa a 16 anni e deve ancora scenderne;

Lorenzo Pacilli : Coast to coast italiano in Vespa 50: da Trieste a Ventimiglia lungo la costa, isole comprese;

Giacomo Palla : Dal suo Scooter Vintage Museum a Città di Castello una Vespa per Papa Francesco;

Marzia Patrignani : Lei e suo padre Roberto, un mito per il mondo vespistico, e il loro raro rapporto di amore con la Vespa: la felicità esiste;

Gianluca Pellegrinelli: Il giro del mondo in Vespa, perché si deve dare concretezza ai propri sogni;

Ivo Pulcini: Il felice possessore della Vespa di “Vacanze Romane”;

Flavio Risi: La sua Vespa PK50XL racconta…;

Claudio Sarra : Nel suo Museo Vespa nel centro di Roma anche il suo videoclip di “Roma in Vespa”, brano musicale dedicato alla Vespa;

Paola Scarsi : In Vespa 50 sulla pista di Imola, un’ora prima della partenza del Gran Premio 1981;

Simone Sciutteri : Con Peyton, la sua Vespa 50, ha conquistato il Guinness dei Primati nella categoria Longest Journey on a 50 cc;

Silvestro Serra: Se il loden e il montgomery erano di destra e l’eskimo di sinistra, la Vespa era l’ONU;

Stefano Sfrappa: Dal magazzino dei miei ricordi e delle mie emozioni emergo preponderanti i giri in Vespa, la felicità e quel senso di pieno appagamento che regalavano;

Chiara TroubetzkoyAngelica Migone e Giulia Stringa : Tre amiche in Vespa in Costa Azzurra;

Ingrid Louise Van Marle: Da una Vespa arancione di ventesima mano, a una Vespa 150 Primavera, tutta d’oro. In mezzo alcuni titoli mondiali di pattinaggio a rotelle e tante altre Vespa;

Doris Zaccone : Il mio primo bacio su un PX bianco;

Nina Zilli: Un mese in Vespa in giro per l’Italia con la mia migliore amica: avevamo 18 anni, pochi soldi, speranze grandi come montagne e un profondo senso di libertà.

Paola Scarsi, nata a Genova, vive a Trevignano Romano. Ha due figli, Matteo e Camilla. È giornalista, fotografa, motociclista; negli anni ’80 ha lavorato come grafica all’ufficio Pubblicità e Marketing della Piaggio. È autrice per Erga de “Lo ScaldaCuore – cento personaggi noti e meno noti raccontano il loro primo bel ricordo” e di “Oltre il Covid: 365 idee per superare la crisi”. Ha pubblicato gli e-book “Le feste delle altre religioni” e “Noi creiamo lavoro – Storie di imprenditori immigrati”. Esperta di economia e tematiche sociali, cura uffici stampa da oltre 30 anni: dai grandi concerti rock alle principali realtà del terzo settore italiano.

Ultimi articoli