20 Maggio, 2024
spot_imgspot_img

E’ alle viste il “Mascagni night”

Torna ad animarsi il lungomare di Antignano, uno dei luoghi più amati e frequentati della città di Livorno ed in cui lo stesso Pietro Mascagni abitò per anni: venerdì 11 agosto, alle ore 22 (con un’anteprima alle ore 20.26 al calasole, ora del tramonto), la lunga passeggiata affacciata sul mare ospiterà la nuova edizione del “Mascagni Night”, l’apprezzata serata speciale nell’ambito del Mascagni Festival che trasformerà 6 differenti postazioni in altrettante luoghi di concerto e di incontro.

A partire dal parco pubblico all’altezza dell’Hotel Universal fino allo Scoglio della ballerina, giardini, terrazze sul mare ed accessi alle spiagge, offriranno così il palcoscenico naturale per ascoltare melodie, arie vocali e strumentali, grazie alla preziosa collaborazione con il Conservatorio “Pietro Mascagni” di Livorno, che curerà tre location con i propri complessi.

“Abbiamo detto tanto volte che la musica e le opere di Mascagni hanno spesso il respiro e l’atmosfera del salmastro, l’impeto delle mareggiate della città in cui è nato, amato e vissuto – afferma il direttore artistico del Festival Marco Voleri – Quest’anno, non a caso, riproporremo sulla Terrazza che porta il suo nome la sua opera marinaresca Silvano ed è innegabile che tante sue melodie immortali abbiano avuto origine ed ispirazione proprio da questi luoghi, che torniamo a frequentare con giovani artisti, alcuni della recentissima Mascagni Academy e giovani allievi del conservatorio a lui intitolato”.

Le parti soliste impegnate saranno così, per il Mascagni Festival, i soprani Chiara Nesti e Seonjae Yun, il baritono Wonjun Jo, la chitarrista Aurora Orsini, i pianisti Anna Cognetta ed Andrea Tobia.

Vario ed articolato il programma musicale che caratterizzerà ciascuna delle sei stazioni, tra lirica (a cominciare dalle composizioni del musicista livornese e degli artisti a lui coevi), ma anche strumentale, nelle versioni per esecutore solista od in formazione di ensemble, di compositori della sua epoca e successivi, alla ricerca di suggestioni e contaminazioni che rappresentano una delle cifre proprie del Mascagni Festival.

Partendo all’altezza della prima stazione, sul lato destro dell’Hotel Universal, si potrà ascoltare Luca Medusei, chitarra sola in musiche di F. M. Torroba, J. Rodrigo, J. Turina, e in formazione con i violinisti Alessio Mannelli e Amanda Longarini, Matteo Tripodi – viola e Giovanni Agostini – violoncello nell’esecuzione del Quintetto per chitarra e archi Op. 143 di M. Castelnuovo Tedesco.

Nei pressi, la seconda stazione con Wonjun Jo – baritono   , Seonjae Yun – soprano ed Andrea Tobia, pianoforte l’esecuzione di arie e brani tratti dalle opere di P. Mascagni, R. Leoncavallo, A. Boito, U. Giordano e G. Puccini. Procedendo verso sud, in prossimità della Scalinata di Antignano. La terza stazione con i chitarristi Lorenzo Rossi e Michelangelo Salvini, con brani di I. Albéniz, M. Castelnuovo Tedesco, E. Granados, S. Assad e M. Pereira.

All’altezza della Spiaggia delle Tamerici, la quarta stazione con la chitarra ancora protagonista con Andrea Anichini, Niccolò Carpentieri, Marco Di Bari, Piergiorgio Piras; in programma musiche di H. Mancini, W. Shorter, C. Mingus, A. Piazzolla, E. Gismonti e J. Zawinul. Vicino alla Spiaggia di Calalonga.

La quinta stazione con Aurora Orsini, chitarra con musiche di P. Mascagni, F. Sor, M. Castelnuovo-Tedesco, M. Castelnuovo-Tedesco ed F. Tarrega. L’ultima stazione nei pressi della Spiaggia della Ballerina con il soprano Chiara Nesti e la pianista Anna Cognetta, in arie e brani tratte dalle opere di P. Mascagni, R. Leoncavallo, U. Giordano, G. Puccini e A. Catalani. Tutta la manifestazione è ad ingresso libero.

Ultimi articoli