2 Dicembre, 2022
spot_imgspot_img

L’unione nazionale consumatori interviene sull’aumento del gas

Ennesimo record per il gas che ad Amsterdam tocca i 315 euro al megawattora.

“Italia nei guai! L’allarme lanciato da Arera il 29 luglio a Parlamento e Governo, quando per via del fatto che i prezzi all’ingrosso avevano superato i 200 €/MWh denunciava un conseguente aumento delle bollette per le famiglie pari a oltre il 100% rispetto al trimestre in corso, è decisamente superato dai rincari folli di agosto. Ora si rischia il default delle famiglie e delle imprese” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori.

“Per questo urgono due interventi da parte del Governo Draghi. E’ evidente che le misure del Dl Aiuti bis sono del tutto inadeguate. Non basta più azzerare gli oneri di sistema ma anche l’Iva, sia della luce, oggi al 10%, sia del gas, oggi al 5%. Inoltre va rinviata la scadenza del mercato tutelato del gas prevista per il 1° gennaio 2023, allineandola, come chiede Arera, a quella della luce, programmata invece per il 10 gennaio 2024. Sarebbe un suicidio non farlo in questo contesto” conclude Dona.

Ultimi articoli