A proposito di prevenzione in odontoiatria

La medicina ricorre ampiamente ai metodi preventivi e l’odontoiatria, da molti anni a questa parte, ha riconosciuto la prevenzione come sua parte integrante. La cultura della prevenzione dentale rappresenta l’arma vincente, se non il principio cardine per cercare di mantenere una qualità di vita migliore per evitare, attraverso interventi mirati, tanto i piccoli inconvenienti, quanto le complicazioni. Ma quando è necessario intervenire? E a quali categorie di pazienti è rivolta la prevenzione? Lo abbiamo chiesto a Pietro Forlano dell’Università Lumsa di Roma, Coordinatore Commissione Rapporti Interdisciplinari Ordine dei Medici di Roma.

Quanto è importante la prevenzione in odontoiatria?
La prevenzione in odontoiatria di fatto è fondamentale e riguarda un mix di cure dentali e attività del dentista, unite a buone pratiche quotidiane del paziente per mantenere sano il cavo orale.
A quali categorie di pazienti è rivolta la prevenzione?
Le persone di tutte le età possono avere benefici in una corretta igiene orale e nella prevenzione di problematiche del cavo orale. I bambini e i ragazzi sono coloro che avrebbero più bisogno di controlli periodici e di una pulizia attenta e costante, soprattutto dopo lo sviluppo dei denti permanenti. Per l’odontoiatria preventiva dell’adulto, lo scopo è quello di continuare a mantenere i denti sani e
forti il più a lungo possibile.
Può spiegarci propriamente in cosa consiste la prevenzione?
La prevenzione è il primo passo da fare per garantirsi una buona igiene orale. Intervenendo sulle cause, prima ancora che sugli effetti, anche se esistono patologie che non è possibile prevenire, tutti i problemi più comuni possono essere evitati e i loro effetti significativamente ridotti.
Abbiamo tre tipi di prevenzione specifica chiamati: primaria, secondaria e terziaria.
Quella primaria è quella che si svolge a casa senza passare da uno studio dentistico, quella secondaria riguarda le sedute di controllo in studio e di igiene orale professionale, quella terziaria si occupa di piccoli interventi di riparazione volti a limitare i danni che hanno già iniziato a fare effetto.
Quali sono i benefici della prevenzione in odontoiatria?
I benefici della prevenzione consistono nel mantenimento più a lungo possibile della salute orale, intervenendo anticipatamente sulle problematiche che si possono presentare nel cavo orale. Altro beneficio sicuramente riguarda la questione economica per il paziente, in quanto la prevenzione ha un costo inferiore rispetto ai trattamenti più invasivi, quindi più costosi.
Com’è cambiata la prevenzione in odontoiatria a oggi rispetto all’era pre Covid-19?
La prevenzione in odontoiatria rispetto all’era post-covid è sicuramente più presa in considerazione per le maggiori attenzioni all’igiene, in generale, considerando che non avendo avuto la possibilità di fare controlli in studi dentistici per paura di contagi si è registrato un aumento di danni dentoparadontali.
Marialuisa Roscino

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui