Picchia la moglie perché non cuoce il pane: arrestato a Reggio Emilia

202

La donna, incinta e mamma di un bimbo piccolo, è corsa in caserma per chiedere aiuto. Poi è stata medicata in ospedale

Fabbrico (Reggio Emilia), 20 novembre 2020 – Una violenza inaudita contro la moglie, accusata di non avergli preparato il pane a causa di un infortunio domestico a un dito. Ma l’uomo non ha voluto sentire ragioni. Le ha afferrato la testa sbattendola contro il muro, per poi colpirla con pugni.

I carabinieri della caserma di Fabbrico, che si sono occupati della vicenda, hanno arrestato un operaio trentenne residente nella Bassa, accusato di maltrattamenti in famiglia aggravati (poiché compiuti davanti ai figli minore) e lesioni personali. La donna, oltretutto in stato di gravidanza, è stata ricoverata in ospedale con una prognosi di guarigione di 25 giorni. E’ accaduto ieri pomeriggio. La donna, con il figlio minore, ha suonato al campanello della caserma di Fabbrico, dichiarando di essere stata picchiata dal marito.

Poi in ambulanza è stata portata in ospedale per le medicazioni.Nel frattempo i carabinieri hanno fermato il marito, a sua volta recatosi davanti alla caserma per raggiungere moglie e figlio. Accertati i fatti, l’uomo è stato arrestato e messo a disposizione dell’autorità giudiziaria. E non sarebbe la prima volta che si verificano episodi di violenza in quella casa. L’uomo, inoltre, si sarebbe in gran parte distaccato dalla cura della famiglia, tanto che talvolta per mangiare la moglie sarebbe costretta a ricorrere agli aiuti della Caritas locale.

(Il Resto del Carlino)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui