LAGONE

“Caro De Luca”, la lettera dello studente al governatore…

“Caro De Luca”, la lettera dello studente al governatore…
Ottobre 17
05:16 2020

 …“A scuola no ma in discoteca sì, perché conveniva”

 

L’ordinanza della Regione Campania che ha sospeso fino al 30 ottobre le lezioni in presenza ha suscitato una valanga di critiche. Da parte dei genitori, dei giornali, del governo – la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina ha definito “un accanimento” contro la scuola la decisione del Presidente della Regione Vincenzo De Luca – e anche dagli studenti. In particolare: da alcune ore circola sui social la lettera che uno studente del Liceo Classico Sannazzaro di Napoli ha indirizzato proprio al governatore.

Una critica serrata da parte dell’adolescente che ha ripercorso le fasi più acute dell’emergenza della scorsa primavera, quando a essere colpito era però soprattutto il Nord. La Campania è invece nelle ultime settimane stabilmente tra le prime Regioni per numero di nuovi contagi a livello nazionale. Ieri sono stati 1.127 nuovi positivi su 13.780 tamponi, 9 i morti registrati negli ultimi 5 giorni. La lettera muove una critica particolarmente tagliente sul parallelismo tra discoteche e scuole. Le prime aperte in estate, fino al 16 agosto; le seconde chiuse dalla Regione, proprio a due mesi dalla chiusura delle prime, per contenere il contagio. La lettera è diventata virale in poche ore.

 

Caro Presidente De Luca,

abbiamo appena tutti appreso la notizia circa la chiusura delle scuole, da domani e per le prossime due settimane. I contagi salgono. 1127 contagiati, oggi 15 ottobre, di cui una minima parte sintomatici. La paura, per molti, è salita. Sembra rivivere le sensazioni di quel febbraio che ormai ci sembrava lontano. Di quelle giornate in cui la tensione saliva e tutti, grandi e piccoli, eravamo incollati allo schermo di telefoni e televisori per sapere cosa sarebbe stato della scuola, delle attività lavorative, delle passeggiate.

E poi è arrivata la chiusura, il lockdown. Una notizia dopo l’altra. La didattica a distanza. I decreti. Le parole del ministro Giuseppe Conte in tv. La mancanza dei propri cari. I momenti di gioia immotivata seguiti da sbalzi d’umore incontrollabili. I morti, tanti, troppi. Vittime di un carnefice invisibile. Il dolore dei loro cari, per non avergli dato un addio. Sembra rivivere queste sensazioni. Quel febbraio, quel marzo, quell’aprile, quel maggio che, si, ci sembravano un ricordo offuscato dalla felicità di riprendere nelle mani la nostra vita. E l’abbiamo ripresa, eccome.

Abbiamo ripreso a viaggiare, chi più vicino, chi più lontano. Via le mascherine! Via la polizia, che dobbiamo goderci l’estate dopo essere stati chiusi per troppo tempo e nessuno può vietarcelo! Piuttosto andiamo a ballare, perché dobbiamo evitare luoghi in cui ci siano assembramenti, ma le discoteche sono aperte! Possiamo fare ciò che vogliamo, perché tutto è aperto e nessuno controlla! Ci siamo goduti fino all’ultimo giorno l’estate e in tanti, a ciò che era accaduto, non ci pensavano neppure più.

Ma non era colpa nostra. Perché di quello che era successo, durante l’estate se n’è parlato ben poco. Niente tamponi. Vietati assembramenti ma discoteche, per citarne una, aperte. Controlli? Zero. Ma nulla è cambiato negli ultimi giorni, tra ragazzi senza mascherina, vicini più del dovuto, senza nessuno, per strada, che li fermasse. E oggi, 15 ottobre, lei ha deciso di chiudere le scuole.

Ha deciso di deviare quel percorso formativo, umano, sociale, che con professori e compagni di classe avevamo appena intrapreso di nuovo, dopo tanto. Ha deciso di privarci della cartella da riempire per non arrivare sprovvisti a scuola, della sveglia al mattino presto, delle corse per i ritardi, del contatto (anche solo visivo) con i nostri amici, con un professore. Anche con quello che magari non ci è neppure tanto simpatico; perché anche questo è il bello del percorso. Ha deciso di privarci del nostro banco, della nostra sedia, delle nostre pareti rovinate color rosa chiaro con la cartina delle conquiste romane e il Crocifisso. Ha deciso di privarci della scuola. E non si dica che faremo “scuola” a distanza. Perché quella, scuola, non è.

Per farla servono percezioni, una concordia di cuori vicini, emozioni condivise, sinergie, intese, relazioni di menti. E tutto questo non é possibile attraverso uno schermo. Ha deciso di privare i ragazzi dell’istruzione, quella vera, autentica. E quest’estate non ha deciso di privarci di balli in discoteca, di aperitivi nei bar, incontri affollati, di tutte le occasioni di contagio che si è finto di non vedere, anche se più pericolosi di venti ragazzi in una classe, lì per imparare, insieme, vicini ma distanti.

Perché conveniva così. Perché la politica è questo. È “la scienza dell’opportunismo e l’arte del compromesso”, come diceva Franz Listz, compositore dell’800. È tutto molto triste. È triste immaginare un mondo così, perché nessuno lo vorrebbe proiettato su priorità, tra le quali non rientri la scuola.

Eppure.

Grazie per l’attenzione, gentile presidente De Luca.

Dino Galiano, studente del Liceo Classico J.Sannazaro

(Il Riformista)

Tag
Share

0 commenti

Nessun commento ancora!

There are no comments at the moment, do you want to add one?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

La tua e-mail non verrà pubblicata.
I campi obbligatori sono segnati *

LEGGI IL NUMERO DI SETTEMBRE 2020!

Iscriviti alla Newsletter!