USA: Poliziotti arrestano un uomo solo perché nero, ma era un agente dell’FBI (VIDEO)

759

ROCHESTER (USA)”La polizia ha arrestato un uomo solo perché è nero, senza nessun motivo. Ma era un agente dell’Fbi”. Il video della scena della discussione tra i due agenti e il sospettato ha fatto il giro del mondo, mentre l’America è in fiamme per l’omicidio dell’afroamericano George Floyd, soffocato mentre veniva ammanettato. Ma la storia è diversa. L’uomo non è un agente dell’Fbi e il fatto è accaduto un anno fa. Ma quelle immagini sono diventate talmente virali (anche in Italia hanno milioni di visualizzazioni) che il municipio di Rochester, città del Minnesota dove è avvenuto il fatto, si è trovato costretto a spiegare l’accaduto (QUI LA NOTA UFFICIALE).

I due agenti stavano effettuando un giro di perlustrazione quando hanno visto l’afroamericano protagonista (suo malgrado) del video seduto in un bar. Il suo aspetto fisico corrispondeva per vari tratti a quello di un uomo per il quale  era stato spiccato un mandato per aggressione. Si sono avvicinati per l’identificazione e in maniera abbastanza spiccia gli hanno chiesto di identificarsi. Lui, consapevole di essere del tutto innocente “ha assunto un atteggiamento poco collaborativo”. Così i poliziotti lo hanno ammanettato. Il fermato continuava a dire “siete le persone più stupide che abbia mai visto”, esterrefatto per il trattamento che gli veniva riservato. La sua vera identità è stata scoperta solo quando dalle tasche sono stati presi i documenti. In nessuna fase della discussione è emerso che si trattasse di un agente dell’FBI. Nemmeno quando, dopo la sua richiesta, sul posto è arrivato il supervisore della squadra.

Il video è stato messo in rete, dall’autore il primo giugno. Perché voleva dimostrare che la polizia americana è razzista e arresta un nero solo per il colore della sua pelle.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui