Papa: “Il rischio è un virus peggiore, l’egoismo”

221

Adnkronos – “No all”‘egoismo indifferente”. Il Papa, nella Domenica della Misericordia istituita da Wojtyla venti anni fa, invita i fedeli a guardarsi da un virus ancora peggiore: “Ora, mentre pensiamo a una lenta e faticosa ripresa dalla pandemia, si insinua proprio questo pericolo: dimenticare chi è rimasto indietro. Il rischio è che ci colpisca un virus ancora peggiore, quello dell’egoismo indifferente“.   “Si trasmette – spiega il Pontefice – a partire dall’idea che la vita migliora se va meglio a me, che tutto andrà bene se andrà bene per me. Si parte da qui e si arriva a selezionare le persone, a scartare i poveri, a immolare chi sta indietro sull’altare del progresso. Questa pandemia ci ricorda però che non ci sono differenze e confini tra chi soffre”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui