LAGONE

Manziana si Rinnova: “Dove vanno i nostri soldi!”

Manziana si Rinnova: “Dove vanno i nostri soldi!”
settembre 11
11:14 2019

Manziana – Riceviamo e pubblichiamo comunicato del gruppo consiliare di minoranza Manziana si Rinnova riguardante l’affidamento della riscossione tributi ad operatore privato.

“Forse non tutti sanno che in Comune è in corso una procedura di gara per affidare il servizio di
riscossione dei tributi ad una ditta privata esterna.
La riscossione dei tributi è l’attività più importante di un Ente Locale, costituendo il principale
strumento delle entrate che, a loro volta, permettono l’erogazione ai cittadini dei servizi gestiti
istituzionalmente dall’Ente stesso.
Per questo motivo le varie Amministrazioni rivolgono da sempre una particolare attenzione alla
scelta dei funzionari preposti al servizio e alla loro formazione ed aggiornamento.
Un servizio di riscossione efficiente e puntuale consente sia un’azione amministrativa efficace e
trasparente, che l’instaurarsi di un buon rapporto di collaborazione e comprensione tra
istituzione ed utenti. Tale rapporto, da non intendere come vorrebbero farci credere, o come
spesso accaduto nel passato, utile a generare pericolosi intendimenti tra le parti, viceversa,
risulta estremamente positivo a chiarire la natura stessa dei tributi e la loro necessaria
riscossione per il buon funzionamento della comunità. La reciproca collaborazione è da qualche
anno oggetto delle attenzioni di tutte le Amministrazioni dello Stato con la funzione di
migliorare i rapporti evitando inutili e dannose conflittualità. In ogni caso, comunque, UN CLIMA
DI SERENA COLLABORAZIONE NON PUO ‘ CHE GIOVARE AD ENTRAMBE LE PARTI, e il cittadino ha
la giusta sensazione che a fronte dei suoi doveri di contribuente, riceverà quanto gli spetta in
ragione di servizi e considerazione.
In questa ottica grandi vantaggi offre una gestione interna del servizio, così come utili ed
indispensabili sono la conoscenza diretta del Territorio e delle eventuali criticità connesse.

NOI ABBIAMO RINUNCIATO A TUTTO QUESTO!

Indifferente di fronte a tanti esempi forniti da quei Comuni nei quali l’affidamento di tale
servizio a ditte esterne ha provocato tante criticità, dovute soprattutto a scarsa attenzione,
indifferenza o anche scarsa conoscenza delle realtà territoriali, e non solo, ma anche acuta
conflittualità nel rapporto con i contribuenti, la nostra amministrazione ha voluto voltare le
spalle e lavarsi le mani del problema.
Non importa se andremo a sostenere costi molto più elevati (stimati in circa 750.000,00 Euro nei
primi tre anni) e in gran parte dovuti per la normale riscossione, quella che confluisce nelle casse
direttamente a mezzo modello F24 o conto corrente che non presenta alcuna problematica e
non necessita di alcuna lavorazione.
Tutto questo era stato prospettato, seppure in modo poco evidente, nella proposta della
Delibera di Consiglio n. 34 del 27 settembre 2017, che conteneva l’affidamento provvisorio alla
Ex Equitalia (ora denominata Agenzia Entrate Riscossione) della riscossione coattiva in attesa di
futuri sviluppi. In quella sede noi avevamo votato contro tale esternalizzazione, preoccupati
soprattutto della difficoltà che avrebbero incontrato i cittadini nel relativo rapporto. Avevamo
indicato anche come non fosse poi così difficile e fosse sicuramente proficuo per il contenimento
della spesa formare i nostri dipendenti per tale attività, magari preparando anche nuove risorse
che avrebbero dapprima affiancato e poi sostituito i pensionamenti imminenti. Tutto ciò non è
servito! E’ prevalsa la teoria di Ponzio Pilato!! ”

Leonardo Pasquali

0 commenti

Nessun commento ancora!

There are no comments at the moment, do you want to add one?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

La tua e-mail non verrà pubblicata.
I campi obbligatori sono segnati *

LEGGI IL NUMERO DI LUGLIO 2019!

Iscriviti alla Newsletter!