LAGONE

Acqua a Bracciano, il Pd: “Assordante silenzio dell’amministrazione”

Acqua a Bracciano, il Pd: “Assordante silenzio dell’amministrazione”
agosto 08
17:06 2019

Acqua a Bracciano: assordante silenzio dell’amministrazione

acqua a Bracciano – silenzio dell’amministrazione

Ogni mattina un braccianese si sveglia senza sapere se stia vivendo negli anni 20 o nel 2019.

Ogni mattina un braccianese si sveglia senza sapere se potrà lavare se stesso e i propri figli.

Ogni mattina un braccianese si sveglia senza sapere se sentirà il rumore dell’acqua nel lavandino.

Questa è la realtà che viviamo a Bracciano, non solo negli ultimi 4 giorni, ma dall’inizio dell’estate.

Certo, la situazione di oggi ha del paradossale:

Acea il 5 Agosto comunica alla cittadinanza la possibile riduzione della pressione o la mancata erogazione dell’acqua per un guasto alle tubature che servono Bracciano Nuova e il Centro, impegnando un autobotte e promettendo la risoluzione entro la sera del 5.

Dopo due giorni senza comunicazioni, Acea ci informa di non meglio menzionati problemi sopraggiunti, aumenta il numero di autobotti e promette la risoluzione del problema entro la serata di ieri.

Oggi, assistiamo all’ennesimo comunicato con cui Acea ci informa che le tubazioni sono riparate, ma l’acquedotto ha un altro guasto, e quindi moltiplicano a dismisura le autobotti, ci promettono un “lavoro senza sosta”, e non indicano quando il problema verrà risolto.

Acqua e ACEA: sinceramente, ci sentiamo presi in giro

Presi in giro da un gestore, Acea, che chiude il suo ufficio a Bracciano per 25 giorni, al centralino non è in grado di dare informazioni, ma soprattutto che lascia per giorni, settimane e mesi la nostra città senza acqua (o con poca acqua).

Perché un guasto può capitare, ma un guasto non dura così tanto.

C’è qualcosa che non funziona nei nostri acquedotti, e tutti i braccianesi se ne rendono conto, dopo una intera estate di improvvisi abbassamenti di pressione e purtroppo di totale mancanza d’acqua.

Tutti vediamo le autobotti che riforniscono il serbatoio ai cappuccini: perché è vuoto? Perché il guasto di questi giorni è all’acquedotto Fiora, che serve il Centro e Bracciano nuova, e anche alle zone servite dall’acquedotto Lega manca l’acqua?

La Carta dei Servizi ACEA ATO2 prevede il ripristino del servizio entro 48 ore dalla segnalazione: in questo caso sono passati, ma in realtà sono due mesi che Acea conosce la situazione critica di Bracciano, il tempo è scaduto.

 

Assordante il silenzio di chi dovrebbe tutelare Bracciano e i suoi cittadini

Il Comune si limita a rilanciare i comunicati di Acea. Dov’è il Sindaco che diffida? Dov’è il Vice Sindaco? Dov’è l’Assessore ai Lavori Pubblici?

 

Mentre i braccianesi soffrono la mancanza d’acqua, cosa sta facendo l’Amministrazione?

 

Quando c’è da fare propaganda non vi tirate mai indietro, ora che si devono risolvere i problemi, dove siete?

 

Il passaggio ad Acea è stato gestito da Tondinelli, ed è evidente che qualcosa non abbia funzionato nel passaggio di consegna degli impianti.

 

Il personale qualificato che si occupava dell’acqua a Bracciano, e che quindi conosceva perfettamente la situazione, è stato assorbito da Acea? Oggi che funzione svolge? Gli è stato chiesto di affiancare i tecnici Acea per riportare l’acqua nelle case di Bracciano?

 

Fossimo nelle mani di un Sindaco, chiederemmo di farsi portavoce degli interessi della comunità, facendosi promotore verso Acea della richiesta di non far gravare sui braccianesi i costi extra sostenuti per le riparazioni e per le autobotti, pretendendo anche un risarcimento per i mesi di servizio insufficienti.

 

Purtroppo siamo nelle mani di Tondinelli, quindi invitiamo i cittadini di Bracciano a segnalare tutti i disservizi ad Acea, perché se ne tenga conto quando arriveranno le bollette

0 commenti

Nessun commento ancora!

There are no comments at the moment, do you want to add one?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

La tua e-mail non verrà pubblicata.
I campi obbligatori sono segnati *