LAGONE

Riccardo Agresti: “sciopero di domani venerdì 8 marzo e saluto a tutte le donne”

Riccardo Agresti: “sciopero di domani venerdì 8 marzo e saluto a tutte le donne”
marzo 07
11:45 2019

In previsione dello sciopero proclamato per domani venerdì 8 marzo, desidero chiarire che sebbene personalmente concordi pienamente con le istanze sindacali (in particolare quella contro la regionalizzazione della Scuola che l’attuale Governo sta attuando), ma poiché abbiamo impegni pregressi con ospiti stranieri ed i miei genitori mi insegnarono fin da bambino che l’ospite è sacro, in quella giornata sarò presente e cercherò di far svolgere tutte le attività previste con i docenti ospiti in visita alla nostra Scuola. Molti degli insegnanti che saranno presenti e che svolgeranno le attività con gli ospiti stranieri hanno già dichiarato che rinunceranno alla remunerazione giornaliera in quanto si sono dichiarati ufficialmente in sciopero (indosseranno un segnale distintivo per rimarcare la propria adesione alle rivendicazioni sindacali).

Per tutte le altre classi, poiché l’adesione per domani si prevede a livelli altissimi, ribadisco che non potremo assicurare in alcun modo lo svolgimento regolare delle lezioni.

Se da anni le adesioni ai vari scioperi si sono limitati ad un numero limitatissimo di docenti (mediamente non più di 5 per la nostra Scuola), ma elevato per il personale ATA, questa volta difficilmente riusciremo a far svolgere le lezioni per cui ancor più che in passato si raccomanda di verificare, senza fretta e con calma, al momento dell’ingresso, se gli alunni, e di quali classi, possano entrare a Scuola. In particolare potrebbe essere necessario, per le classi coinvolte nelle attività con gli stranieri, di dovere entrare dall’ingresso principale anziché da via Castellammare di Stabia.

Approfitto di questa comunicazione per porgere il mio saluto a tutte le donne (di qualsiasi età, di qualsiasi religione, di qualsiasi colore della pelle, di qualsiasi idea politica) il mio saluto in occasione della giornata dedicata a loro. Il mio augurio alle donne non è ovviamente legato solo alla giornata di domani, ma occorre ricordare che questa è l’occasione per ribadire il concetto che se la vita e la persona sono sacre, allora ancora più sacre sono le vite di chi dona la vita e personalmente sono schifato da chi inveisce se una di queste viene violata da bestie straniere, mentre non pronuncia parola se lo stupro viene effettuato da italiani, indicando chiaramente che per loro il corpo della donna e la sua violazione non sono importanti, se non per mire elettorali, rendendo così schifosa anche la loro stessa campagna elettorale.

Cordiali saluti

Riccardo Agresti

Share

0 commenti

Nessun commento ancora!

There are no comments at the moment, do you want to add one?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

La tua e-mail non verrà pubblicata.
I campi obbligatori sono segnati *