“Sessione europea” del Lazio, Commissione approva atto di indirizzo

Approvato oggi con 4 voti a favore e 3 astenuti, in commissione Affari comunitari e internazionali del Consiglio regionale, presieduta da Piero Petrassi, l’atto di indirizzo alla Giunta regionale in materia di politiche e programmazione europea. Tale atto, approvato sulla base della proposta presentata ai consiglieri che con le loro osservazioni in corso di seduta ne hanno messo a fuoco meglio alcuni punti, consegue all’illustrazione, avvenuta nella seduta del 5 luglio scorso, della relazione informativa della Giunta al Consiglio regionale per l’anno 2015, relativa alla partecipazione della Regione alle politiche dell’Unione europea e prevista dall’articolo 11 della legge regionale 9 febbraio 2015, n. 1, chiudendo così la fase della cosiddetta “sessione europea”.

Con l’atto approvato oggi, la Commissione evidenzia l’importanza della relazione annuale e di monitorare l’iter delle proposte di atti legislativi europei ritenuti dalla Commissione di interesse prioritario per la Regione. In esso, si invita la Giunta a effettuare la ricognizione dello stato di conformità al diritto europeo dell’ordinamento regionale e a informare il Consiglio sulle risultanze della relazione inerente tale conformità. Inoltre, si invita la Giunta a informare il Consiglio sulle procedure di infrazione e sui casi di Eu pilot riguardanti la regione Lazio e a monitorare il recepimento statale della legislazione europea divenuta applicabile. In particolare su questo si sono soffermati i commissari di opposizione Silvana Denicolò, Gaia Pernarella (M5s) e Luca Malcotti (Cuoritaliani), che hanno chiesto una migliore precisazione dei chiarimenti da richiedere alla Giunta specie sullo stato delle procedure di infrazione e dei pagamenti in atto in conseguenza di quelle.

La Commissione ha invitato poi la Giunta a proseguire l’attuazione delle misure previste dai programmi operativi regionali a valersi sulla programmazione 2014-20 dei fondi strutturali di investimento europei e ha richiesto alla Giunta una costante informazione su questi programmi. Su quest’ultimo punto, Riccardo Valentini del Pd ha chiesto una precisazione della periodicità di questi oneri informativi. Ancora, la Commissione ha evidenziato la necessità di rafforzare gli strumenti per superare la difficoltà di accesso ai finanziamenti gestiti dalla Commissione europea da parte di enti locali, imprese e associazioni ed ha invitato la Giunta a garantire la partecipazione del Consiglio alle attività inerenti i fondi strutturali, attraverso la piena operatività della Cabina di regia.

Infine, l’atto invita la Giunta a partecipare insieme al Consiglio alla consultazione avviata dalla Commissione europea su un pilastro europeo dei diritti sociali, propone di integrare le politiche regionali con gli orientamenti espressi dalla Commissione europea in una serie di iniziative non legislative e ribadisce la necessità di definire modalità di lavoro fra le istituzioni coinvolte nella formazione e nell’attuazione della normativa europea tali da consentire una maggiore cooperazione tra Giunta e Consiglio, attraverso la costituzione di un gruppo di lavoro.

Presenti alla seduta, in apertura della quale era stato approvato il verbale della seduta precedente, anche i consiglieri Gian Paolo Manzella (Pd) e Gianluca Quadrana (Lista Zingaretti).

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui