24 Maggio, 2024
spot_imgspot_img

Tarquinia: dal 29 al 31 luglio decima edizione del “DiVino Etrusco”

Torna anche quest’anno nel centro storico di Tarquinia “DiVino Etrusco”, la manifestazione organizzata dal Comune di Tarquinia, con il sostegno della Regione Lazio (Visit Lazio), in collaborazione con la Pro Loco Tarquinia, i patrocini della Provincia di Viterbo e della Camera di Commercio di Viterbo.

Il vino come sempre sarà il grande protagonista della tre giorni, ma non solo: i visitatori avranno la possibilità di effettuare un viaggio sensoriale, degustando i vini delle migliori cantine di Tarquinia e della Dodecapoli, ma anche di scoprire le meraviglie dell’arte etrusca. Il 30 luglio, infatti, il Museo Archeologico Nazionale Tarquiniense sarà aperto in via eccezionale e ad ingresso libero dalle ore 19.30 alle ore 24.

«Vogliamo proporre Tarquinia in tutta la sua bellezza. – sottolinea l’assessore al turismo Sandro Celli – Non poteva così mancare il Museo. Un altro motivo quindi per essere dal 29 al 31 luglio nella nostra città, degustando vini eccellenti immersi nell’arte».

Il binomio vino-cultura sarà approfondito anche nel corso della tavola rotonda prevista per il primo giorno della manifestazione, dal titolo “Il racconto del territorio per il futuro del vino italiano”, in programma il 29 luglio alle ore 18.30 nella Sala degli Affreschi del palazzo comunale. Si discuterà di marketing territoriale vale a dire del ruolo della storia, della cultura, del paesaggio per la promozione del vino prodotto in una determinata zona, grazie alla partecipazione del dott. Riccardo Cotarella, consulente enologo per molte cantine sul territorio italiano e non solo, il prof. Andrea Ciacci, dell’Università di Siena, che ha condotto i progetti “VINUM”, “ArcheoVino”, e “Senarum Vinea”, il dott. Pericle Paciello che è responsabile del progetto “Il vino e gli Etruschi” a Rocca di Frassinello. Moderatore della tavola rotonda il prof. Fabio Mencarelli, docente di enologia dell’Università della Tuscia di Viterbo, DIBAF (Dipartimento per l’Innovazione dei Sistemi Biologici, Agroalimentari e Forestali). Il sindaco Mauro Mazzola e l’assessore al turismo Sandro Celli apriranno i lavori. «Da dieci anni il DiVino Etrusco è vetrina promozionale di Tarquinia e del suo territorio, esaltando il profondo legame che univa gli Etruschi alla vite. – sottolinea l’assessore Celli – La tavola rotonda va in questa direzione: ovvero evidenziare l’importanza dell’ambiente, della cultura, dell’arte, della storia e del paesaggio per il turismo del vino».

Tra le iniziative in programma anche due originali degustazioni guidate, organizzate in collaborazione con la Fisar Delegazione Viterbo e Stefano Ronconi, giornalista enogastronomico e che si terranno il 30 luglio, nella sala consiliare del palazzo comunale.

Anche quest’anno, nel corso dei tre giorni sarà possibile accompagnare il vino con le specialità dello “street food”, con ristoranti bar, pub, osterie, pasticcerie, rosticcerie, pizzerie, piadinerie, che proporranno  il cibo da strada.

 

 

 

Ultimi articoli